AdamScott

Sono ormai mesi che Adam Scott continua ad affermare di anteporre il PGA Tour e i Major alle Olimpiadi. Quando gli chiedevano cosa pensasse dei Giochi di Rio, rispondeva che vincere una medaglia non sarebbe mai stato equiparabile a vincere un Major: non avrebbe mai sacrificato un torneo del Tour per partecipare ai Giochi.  Semplici dichiarazioni, che attendevano una conferma reale. Conferma arrivata martedì, con un comunicato ufficiale,  rilasciato dal campione australiano: Adam Scott non sarà a Rio quest’estate, a causa di un’agenda troppo ricca di impegni. Non coglierà l’occasione di difendere i colori del proprio Paese in un evento, che per molti sportivi rappresenta un vero traguardo, raggiunto solo dopo anni di fatiche e sacrifici.

“Ho informato della mia decisione il capitano della squadra australiana e gli organizzatori competenti,  che hanno compreso la mia posizione. Auguro a tutto il team dell’Australia buona fortuna per i Giochi Olimpici di Rio”, ha dichiarato Scott nel comunicato. “La mia scelta è la conseguenza di un’agenda molto fitta proprio nel periodo delle Olimpiadi. Sarò impegnato sia a livello professionale che personale.”.

Inevitabili le reazioni dal mondo sportivo e golfistico, vista l’importanza di Scott per l’Australia e per il golf internazionale. E’ infatti uno dei giocatori più forti al mondo, settimo nell’Official Golf World Ranking e vincitore del Masters 2013.

La sua connazionale Dawn Fraser, che ha conquistato ben otto medaglie olimpiche per l’Australia del nuoto, non ha avuto mezzi termini, pubblicando una severa critica su Facebook:

“Sono molto dispiaciuta di essere venuta a conoscenza che Adam Scott non troverà spazio nella sua agenda per poter partecipare alle Olimpiadi con l’Australia. Molto bene Adam, è fantastico sapere che metti il tuo paese in secondo piano pur di mantenere i tuoi programmi. Quanti soldi vuoi guadagnare nella tua vita? Non ti interessa molto la tua nazione”.

Se la Fraser ha criticato pesantemente la scelta di Scott, anche un certo Jack Nicklaus si è detto molto triste per questa brutta notizia. Tra tutte le reazioni, quella del Golden non è assolutamente  da sottovalutare. A pronunciarla è stato infatti uno dei campioni più forti al mondo – vincitore di 18 Majors – che, se solo potesse, parteciperebbe egli stesso alle Olimpiadi.

“Penso sia triste. Penso sia triste per le Olimpiadi ma anche per il golf”, ha dichiato Nicklaus. “Non conosco la situazione di Adam quindi non posso giudicarlo. Certo, dalle dichiarazioni sembrava proprio che non potesse giocare e se fosse così, lo capisco. Ma è davvero una sfortuna”.

Un commento distaccato, privo di giudizi e di critiche, che dovrebbe far riflettere Scott più di qualsiasi altra dichiarazione.

  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf
  • Il team USA e le magliette a sorpresa "Make Tiger Great Again"
  • Mi sono arrivate le novita' in negozio #VideoGolf