troon

L’inverno non è mai stato la stagione ideale del golfista. Con il suo freddo “da battere quasi i denti” costringe spesso anche i più temerari a lasciare sacca e bastoni … a riposo e a guardare il proprio sport preferito in TV. Fino a quando i percorsi non tornino a splendere del loro verde brillante e primaverile. … Ma l’inverno ha comunque sempre i suoi lati affascinanti. “Quali?”, direte voi.

Senza dubbio la neve, che quando arriva ricopre tutto con la sua magia e il suo candore. E ovviamente nemmeno i campi da golf ne sono esenti, diventando così luoghi incantati. È accaduto anche quest’anno e questa volta a trasformarsi è stato Royal Troon, in Scozia, che ieri si è risvegliato completamente bianco.

Proprio ieri già, ma per fortuna a sette mesi esatti dal 17 luglio, quando ospiterà il suo nono The Open Championship. E le immagini parlano davvero da sole. Royal Troon non ospita il Major più antico del golf dal lontano 2004, quando Todd Hamilton vinse al playoff. Sempre sotto l’occhio del ciclone della critica per non aver mai ospitato Open entusiasmanti, vanta tra i suoi vincitori campioni come Tom Watson, Arnold Palmer e Mark Calcavecchia. E cosa ancor più interessante: solo gli americani sono riusciti a uscirne vittoriosi, conquistando così l’ambita Claret Jug.

  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!
  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf