tadini_delpodio

Sui due percorsi dell’Imperial Lakeview Golf Club (par 71) e dello Springfield Royal Country Club (par 71), a Hua Hin in Thailandia, è iniziata la finale della Qualifying School dell’Asian Tour dove Matteo Delpodio è al 37° posto con 69 (-2) colpi e Alessandro Tadini al 105° con 72 (+1). E’ in vetta con 63 (-8) il coreano Yikeun Chang, seguito da due statunitensi, Kevin McLister,  secondo con 64 (-7), e Tom Johnson, terzo con 65 (-6). Al quarto posto con 66 (-5) il giapponese Kodai Ichihara, il tedesco Julian Kunzenbacher, il sudafricano Thriston Lawrence, il coreano Giwhan Kim, l’australiano Michael Wright e Quincy Quek di Singapore.

Yikeun Chang ha girato allo Springfield Royal CC realizzando tre eagle, tre birdie e un bogey. Kevin McLister, all’Imperial Lakeview GC ha tenuto quasi lo stesso ritmo con sei birdie, un bogey e una “hole in one” centrando con un solo colpo la buca 7. Sullo Springfield Royal CC anche i due azzurri con Matteo Delpodio autore di cinque birdie e di tre bogey e con Alessandro Tadini che ha messo insieme quattro birdie, tre bogey e un doppio bogey.

Hanno preso il via 242 dei 245 contendenti iscritti (153 ammessi direttamente e altri 92 promossi dallo Stage1) che per due turni si alterneranno sui due tracciati. Dopo 36 buche i primi cento in graduatoria e i pari merito al 100° posto disputeranno gli ultimi due giri sullo Springfield Royal CC e, al termine, i migliori 40 classificati e i pari merito al 40° posto riceveranno una ‘carta’ piena per l’Asian Tour 2016. Gli altri che completeranno il torneo avranno la ‘carta’ per l’Asian Development Tour, l’equivalente orientale del Challenge Tour, che nella stagione scorsa ha proposto 28 eventi e che concede punti per il World Ranking.

Delpodio (3°) e Tadini (12°) hanno avuto accesso alla finale attraverso lo Stage1 al quale hanno partecipato anche Aron Zemmer (37°), che non è entrato tra i 23 qualificati, Giorgio De Filippi e Andrea Rota, usciti al taglio. In totale hanno preso parte alla Qualifying School 646 concorrenti provenienti da 40 nazioni, dei quali 491 si sono impegnati nella prima fase disputata su quattro percorsi.

  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti
  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf