PSYCO_17_E-SE-IL-TRUCCO-FOSSE-LA-VISUALIZZAZIONE_500

 

Sei un neofita alle prese con i fondamentali del golf? Sei un giocatore amatoriale in crisi con lo swing? Sei un professionista che si trova a dover modificare una componente tecnica e che vuole vedere i risultati il più rapidamente possibile?

In tutti questi casi la Psicologia dello Sport può fornire un aiuto concreto grazie all’utilizzo della tecnica della visualizzazione.

La visualizzazione è una tecnica immaginativa che può risultare estremamente efficace nell’ambito dell’apprendimento, della modifica e del miglioramento del gesto tecnico. Pur non essendo utilizzata solo in questo particolare ambito, potrebbe essere molto utile per ciascun golfista, allenarsi nel suo utilizzo (magari in collaborazione con il maestro), in quanto, se eseguita con costanza, potrebbe rappresentare un facilitatore dell’apprendimento e del consolidamento dell’aspetto tecnico sul quale si sta lavorando.

La  visualizzazione  consiste  nell’osservare  con  gli  occhi  della  mente  una  particolare sequenza di immagini, concentrandosi su tutti i dettagli e su tutti i particolari che caratterizzano la nostra percezione sensoriale (vista, udito, tatto ecc).

Se ben eseguita la visualizzazione ha il potere di farci vivere delle esperienze come se fossero reali, tanto da farci attivare proprio gli stessi distretti muscolari coinvolti nel gesto tecnico visualizzato (come dimostrato in numerosi studi).

Per rendere questo tipo di tecnica efficace nel migliorare un gesto tecnico può essere utile sperimentarla  ripetutamente  (=allenamento  ideomotorio)  in  abbinamento  all’esecuzione reale del movimento, in modo tale da rafforzarne l’efficacia reciproca, e ripetendo tale alternanza più volte al giorno, per qualche minuto.

Ad esempio, se si sta lavorando sul putt, e si passa del tempo sul putting green, può essere utile visualizzarsi mentre si osservano le pendenze del green, mentre ci si posiziona in modo corretto sulla palla, si esegue il movimento delle spalle e delle braccia, si colpisce la pallina e se ne osserva la traiettoria perfetta, fino a sentire il classico rumore della buca. A questo

 punto si può provare ad effettuare realmente il colpo. Nella visualizzazione del gesto tecnico il ruolo del maestro può essere importante come guida nell’identificazione del movimento corretto.

  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf
  • Jim Furyk prossimo capitano americano?