francesco molinari

Seconda gara consecutiva e nona stagionale nel PGA Tour per Francesco Molinari, che sarà sul tee di partenza del Valero Texas Open (21-24 aprile) sul percorso del JW Marriott TPC San Antonio, a San Antonio nel Texas.  Due giocatori calamitano l’attenzione alla vigilia, Phil Mickelson, per il suo carisma e il suo passato, e Bryson DeChambeau. Il vincitore dell’U.S. Amateur 2015, dopo il Masters, in cui ha fornito una bella prestazione (21°) conquistando la medaglia riservata al miglior dilettante, è passato di categoria e ha concluso al quarto posto il suo primo torneo tra i professionisti, il RBC Heritage in cui si è imposto il sudafricano Branden Grace, anch’egli nel field.

Difende il titolo Jimmy Walker in un contesto che comprende, tra gli altri, Zach Johnson, Patrick Reed, Brandt Snedeker, Keegan Bradley, Matt Kuchar, Charley Hoffman, l’inglese Luke Donald, il sudafricano Ernie Els, l’irlandese Padraig Harrington e il thailandese Thongchai Jaidee.

Francesco Molinari, tornato nel circuito statunitense dopo quasi un mese di riposo, praticamente forzato, avendo dovuto saltare il WGC Dell Match Play e il Masters, non essendo più tra i primi 50 del world ranking, è naturalmente teso alla riconquista delle posizioni perdute, Si era ben disimpegnato nell’Arnold Palmer Invitational, (nono) prima di fermarsi, poi al rientro la scorsa settimana, nel RBC Heritage, dopo un bell’avvio ha accusato qualche incertezza (45°) probabilmente dovuta proprio alla sosta. Il montepremi è di 6.200.000 dollari con prima moneta di 1.116.000 dollari.

  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti
  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf