Nedbank Golf Challenge - Day Two

Lo svedese Henrik Stenson è rimasto da solo al comando con 133 colpi (66 67, -11) nel Nedbank Golf Challenge, torneo in combinata tra European Tour e Sunshine Tour in svolgimento sul percorso del Gary Player Country Club (par 72) a Sun City in Sudafrica, dove non sono presenti giocatori italiani. In una giornata in cui c’è stata una interruzione del gioco per maltempo, Stenson ha lasciato a un colpo il sudafricano Jaco Van Zyl (134 – 66 68, -10) con il quale condivideva la leadership dopo un giro.

In una classifica che si è notevolmente allungata hanno contenuto il ritardo lo statunitense Robert Streb, terzo con 135 (-9), e l’australiano Marc Leishman, quarto con 136 (-8). Lo ha fatto parzialmente anche il thailandese Kiradech Aphibarnrat, quinto con 138 (-6), mentre sette colpi da recuperare saranno un bel problema per l’inglese Ross Fisher, sesto con 140 (-4).

Difficoltà ancora maggiori avranno l’americano Keegan Bradley e l’austriaco Bernd Wiesberger, settimi con 141 (-3) insieme all’argentino Emiliano Grillo, all’altro statunitense Scott Piercy e all’inglese Chris Wood, mentre le 36 buche che ancora mancano al traguardo probabilmente non saranno sufficienti per favorire un rientro dei sudafricani Louis Oosthuizen e Branden Grace, dell’inglese Danny Willett, campione uscente, del thailandese Thongchai Jaidee e dello spagnolo Miguel Angel Jimenez, 12.i con 142 (-2). Sicuramente fuori gioco il sudafricano Charl Schwartzel, 22° con 145 (+1), il tedesco Martin Kaymer, 25° con 146 (+2), e l’inglese Lee Westwood, 28° con 153 (+9), che, dopo aver vinto il torneo nel 2010 e nel 2011, non avrà l’opportunità di eguagliare i tre titoli di Nick Price dello Zimbabwe e dei sudafricani Ernie Els e David Frost.

Stenson ha iniziato bene con tre birdie, poi è stato rallentato da tre bogey prima dello stop, ma alla ripresa ha superato Van Zyl con cinque birdie sulle ultime otto buche per il 67 (-5). Il sudafricano era andato bene nella prima parte con un eagle, un birdie  un bogey che l’avevano portato da solo in vetta al momento della sospensione. Ha ripreso con due birdie, ma successivamente ha inanellato solo par (68, -4) ed è rimasto un colpo indietro.

Il torneo, giunto alla 35ª edizione, è nato nel 1981 come Million Dollar Challenge distribuendo un milione di dollari a dodici selezionati concorrenti, poi nel tempo ha avuto varie evoluzioni fino ad arrivare all’attuale numero di trenta partecipanti e a un montepremi di 6.500.000  dollari con prima moneta di 1.250.000 dollari, seconda di $ 775.000 e terza di $ 433.000. Dal 2013 è entrato a far parte dell’European Tour.

  • Il team USA e le magliette a sorpresa "Make Tiger Great Again"
  • Mi sono arrivate le novita' in negozio #VideoGolf
  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!