5_think-box-play-box_1280

 

Come si cerano le condizioni ottimali per eseguire un colpo perfetto? Il golf è uno sport e come tutti gli sport ha a che fare con l’esecuzione di un gesto tecnico, tuttavia, al fine di poter eseguire il colpo nel modo migliore possibile è necessario affrontare una fase di valutazione e di pianificazione che sia preparatoria all’esecuzione stessa.

Per questa ragione, può essere utile identificare e distinguere due momenti, diversi e consequenziali, che creino le condizioni per giocare al massimo delle proprie potenzialità. Queste due fasi sono state definite rispettivamente Think Box e Play Box.

La Think Box consiste nel lavoro di pianificazione del colpo e ne precede l’esecuzione. Ha una durata superiore ai 20 secondi e consiste nel raccogliere le informazioni necessarie per eseguire quel particolare tipo di colpo nel modo migliore possibile (v. distanza, lie della palla, target ecc). L’entità ed il numero di informazioni necessarie possono variare a seconda del fatto che si tratti di un settore di gioco piuttosto che di un altro o da una situazione all’altra, ad esempio su un particolare tipo di colpo si può prediligere un gioco più istintivo, con una minore attenzione ad informazioni dettagliate, mentre su un altro può essere necessario raccogliere un maggior numero di informazioni ed avere una visione più precisa in modo da prendere una decisione più razionale e pensata. Questa fase consente al giocatore di arrivare ad elaborare la propria decisione, creando così le condizioni per poterla mettere in pratica nell’esecuzione del colpo. Questa decisione, una volta presa, deve creare un profondo coinvolgimento da parte del giocatore, che deve essere fortemente convinto che la decisione che ha preso sia esattamente la cosa giusta da fare, senza alcun dubbio o ripensamento. Una volta che è stata eseguita la pianificazione e che il giocatore ha chiaro nella sua mente come eseguire il colpo, effettua quindi la sua routine al fine di creare le condizioni di massima concentrazione che gli permetteranno di affrontare realmente il colpo che finora ha solo immaginato. La conclusione della routine segna l’inizio della Play Box, che ha una durata estremamente limitata (4-9 secondi), in quanto consiste semplicemente nell’esecuzione del colpo “in assenza di pensieri”, mantenendo semplicemente il proprio focus su particolari sensazioni che favoriscano l’esecuzione del colpo.

Mentre la Think Box ha a che fare con il “pensare”, la Play Box ha, infatti, a che vedere con il “sentire”, ossia con la possibilità di svuotare la mente eseguendo semplicemente il gesto tecnico concentrandosi sugli elementi sensoriali che ne facilitino la realizzazione, siano essi visivi, propriocettivi o uditivi o una combinazione di essi. Ciascuno può sperimentare Play Box differenti in momenti diversi o per colpi differenti, ciò che conta è sperimentare sul campo ciò che può essere utile, di volta in volta, per ciascuno.

Se l’intero processo ha successo sarà quindi possibile realizzare un buon colpo, rimanendo costantemente concentrati sul processo che si sta realizzando nel qui ed ora dell’esecuzione del colpo, in assenza di distrazioni.

  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti