leaderboard

L’amore per il Masters non conosce confini. Ne sa qualcosa Andy Duckett, architetto nato e cresciuto in Georgia, che ha una passione davvero particolare per il celebre Major ma anche per l’Augusta National Golf Club. Duckett ama assemblare tanti piccoli mattoncini della Lego per ricreare luoghi e oggetti del Masters e del club stesso. Dopo aver realizzato nel 2014 una riproduzione della club house utilizzando 3000 mattoncini, quest’anno ha deciso di ricreare il leaderboard ufficiale del torneo.

“Sono costantemente alla ricerca di qualcosa che alimenti la mia passione per il golf e mi è venuta questa idea”, ha dichiarato Duckett. “Come architetto, sono sempre stato attratto dai mattoncini della Lego ed è incredibile quanti se ne possano trovare ad Atlanta. Il mio scoreboard ha più di 5.000 mattoncini”.

Una passione iniziata quasi per caso, collezionando palline da golf dei percorsi in cui è stato. Poi alle palline si sono aggiunti migliaia di altri oggetti da collezione e ora anche i modellini della Lego. Il leaderboard è esposto in questi giorni al Trends and Traditions Antique Mall di Augusta, in cui Duckett ha affittato da anni uno spazio espositivo.

“La scorsa estate, volevo fare un modellino della clubhouse di St. Andrews, ma poi ho visto sulla copertina di Golfweek una bellissima fotografia dello scoreboard del Masters”, ha affermato Duckett. “Era una foto così incredibile che decisi di costruire proprio lo scoreboard, anche perché non ha affatto una forma difficile da realizzare. La parte più complicata era come riprodurre la scritta ‘Masters’ sulla parte alta”.

Ha iniziato a costruire il modellino – lungo più di un metro e mezzo, alto 40 centimetri, profondo 10 per 18 chili – alla fine del 2015 e ora l’ha portato ad Augusta.

E i progetti per il futuro? Probabilmente il leaderboard verrà messo in vendita proprio come avvenne per la clubhouse nel 2014, acquistata per 1700 dollari. Ma Duckett non vuole affatto fermarsi qui: l’obiettivo sarebbe infatti realizzare una buca dell’Augusta National, … una che sia riconoscibile. Magari la 12 o la 16, ma sta pensando anche alla 10 vista la sua elevazione. Chissà come ci riuscirà!?

  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf
  • Jim Furyk prossimo capitano americano?