jordan spieth

Durante il WGC Bridgestone Invitational della scorsa settimana, Jordan Spieth era alla ricerca di nuove ispirazioni per il suo gioco. Un equilibrio, sia mentale che nel gioco. La chiave insomma per tornare a essere il giocatore numero uno al mondo. Una ricerca, che comprendeva sia l’aspetto del gioco, con più solidità nel colpire la palla, ma anche qualcos’altro: l’atteggiamento da tenere in campo. Durante i tornei del Tour, l’abbiamo sempre visto parlare molto alla palla, senza omettere anche qualche lamentela ogni qual volta un colpo andasse male.

A questo, si aggiungevano anche le continue chiacchierate e i confronti con il caddie Michael Greller, per non parlare della lenta routine che precedeva ogni shot. Insomma, tutti questi ingredienti hanno spesso deconcentrato Spieth dal gioco e hanno contribuito anche ai famosi richiami per gioco lento ricevuti sul PGA Tour. Si perché l’abbiamo notato tutti: la routine prima di ogni colpo era davvero infinita. Pare però che ora l’abbia notato anche Spieth… Così, proprio in occasione del WGC Bridgestone Invitational durante il quale si è classificato terzo, il giovane campione texano ha deciso di apportare numerosi cambiamenti nel suo gioco e nel suo stare in campo.

Niente più chiacchiere con Greller. Niente più lamentele se la pallina rimbalza in fairway e va in rough, o se sbaglia un colpo. Niente più commenti tra un colpo e l’altro. Nessuna analisi di gioco.

“Ho detto a Michael che per il resto della stagione voglio essere più forte mentalmente, senza rimuginare sopra ogni colpo”, ha affermato Spieth. “Sto anche cercando di accelerare il mio gioco, e penso che ce la faremo”.

Già, non solo basta chiacchiere ma anche un totale cambiamento alla routine. A suggerirglielo è stato il suo stesso coach Cameron McCormick, che proprio durante un allenamento gli disse: “Hey, penso che giocheresti meglio se riducessi la tua routine. Pensa solo a fare lo swing”. E così Spieth ha fatto durante il WGC. E sembra continuerà su questa strada anche per il resto della stagione. Del resto i risultati si sono visti subito, piano piano sta ritrovando la forma che aveva perduto a inizio anno. Di una cosa però state pur certi: non cambierà mai la routine sul green, per niente al mondo. Come biasimarlo… è uno dei più forti puttatori del Tour!

  • Golf Today ha svelato i suoi progetti alla Friends Cup #VideoGolf
  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf