Jordan Spieth

Jordan Spieth inizia bene il 2016 con un’enorme vittoria allo Hyundai Tournament of Champions sul bel percorso del Plantation Course (par 73) di Kapalua, nell’isola hawaiana di Maui.

-30 il totale per il numero 1 del golf mondiale che lascia a 8 colpi di distacco il diretto inseguitore Patrick Reed che sostiene di aver dato il massimo ma che nulla si poteva fare contro lo score del vincitore.

Ai microfoni del tour Jordan si è detto contento di questa vittoria (che gli ha fatto incassare l’assegno da 1.180.000 dollari) ma non vuole il paragone con Tiger Woods dopo che gli si è fatta notare la sua settima vittoria a soli 22 anni. “Sono molto lontano da quello che Tiger ha fatto nel golf” – sostiene Spieth – “sto giocando bene, ma replicare la sua carriera non sarà facile”.

Si aggiungono alla sua vittoria i 500 punti della FedEx Cup e quelli dell’Ordine di Merito Mondiale che lo vedono in vetta alla classifica già da 16 settimane. Sarà difficile, ora, per Jason Day e Rory McIlroy recuperare il distacco, ma siamo sicuri che questa lotta sarà il “pepe” di una stagione 2016 che inizia a delineare nuovi idoli del golf mondiale.

Swing your life

  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti
  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf