pgai

L’Associazione italiana dei Professionisti di golf è partner del 73° Open d’Italia. Una sinergia nata sotto il segno della promozione per portare al torneo e al golf in generale, un pubblico nuovo. Avviato a inizio anno, il percorso ha visto i maestri di PGA Italiana impegnati in fiera e nelle piazze, dove hanno incontrato giocatori e curiosi che hanno provato per la prima volta. E che sono stati invitati all’Open d’Italia.

L’attività, infatti, prosegue a bordo campo durante il massimo torneo del nostro Paese, sempre più ricco di montepremi e contenuti. Qui PGA Italiana propone 15 minuti di lezione «free» per un avvio al golf a chi presenta il voucher distribuito nei mesi scorsi, ma anche semplicemente mettendosi in coda. Gioco corto e gioco lungo sono protagonisti nel driving range allestito lungo il viale d’ingresso all’Open, con trenta Maestri PGAI dedicati nella settimana. Tutta per i bambini invece, all’interno dell’area Kids, un’attività coinvolgente e propedeutica al golf: The Stadium attende i più piccoli per una sfida a tempo, dove da battere sono i campioni del Tour.

Due aree di pratica e una Lounge PGAI nel cuore dell’Open, punto di riferimento per i Professionisti italiani, per i tournament player, per chi gioca e chi vuole provare, o anche solo per saperne di più. Da non perdere il menu di ciascuna giornata. Appuntamento fisso alle 11.30 e alle 18.00 con PGAIClass a tema, lezioni su diversi aspetti del gioco, e altri highlights con maestri e allievi a confronto, protagonisti i migliori amateur italiani in gara raccontati dai propri coach.

  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti