lacava-joe-092511-640x360

Tiger Woods è lontano dai fairway ormai da mesi. A fine settembre annunciò il ritiro per affrontare il secondo intervento alla schiena e da allora non si seppe più nulla, se non che avesse intenzione di recuperare lentamente l’infortunio, tornando in campo solo quando fosse stato davvero pronto.

Così i mesi sono trascorsi e una nuova stagione del PGA Tour è iniziata: i tornei continuano a susseguirsi mentre la Tigre tace sul suo ritorno. Woods resta dunque fuori dai giochi e non resta che aspettare a noi, come a qualcun altro che lo conosce davvero molto bene. L’attesa per Joe LaCava, storico caddie di Fred Couples e al fianco di Tiger dal 2011, è davvero lunga e quasi frustrante. “Meglio che accetti di assistere altri giocatori”, hanno pensato in molti. Ma LaCava non ci sta e anzi, come ha affermato ai microfoni di ESPN ha rifiutato offerte di lavoro pur di stare, anche se lontano dai fairways, al fianco del suo assistito.

“Si un paio di ragazzi mi hanno chiesto se fossi disponibile. Non voglio dire i loro nomi ma ho gentilmente declinato l’offerta”, ha dichiarato al giornalista Bob Harig. “Il mio programma è aspettare che Tiger torni. Ho solo risposto che ora voglio lavorare solo con Tiger e con nessun altro. Sono stati comprensivi anche se non conoscono la mia situazione attuale”. Una situazione di stallo, verrebbe da dire. Proprio lo storico caddie che ha affiancato Fred Couples per vent’anni e che non tradirebbe mai per nulla al mondo un proprio giocatore, ha raccontato come siano stati – e si spera non saranno ancora per molto -  così difficili questi mesi.

“Mi manca, lo ammetto. Non mi sono mai lamentato di stare a casa, ma mi manca lavorare in generale. Poi quando vedi tornei come l’AT&T a Pebble Beach … che sta per arrivare. Un luogo che appartiene a Tiger, dove ha vinto…mi dispiace. Mi mancano i miei amici, gli altri caddie, uscire a cena tutti insieme. Ma più di tutto mi manca la caccia alla vittoria. Mi manca davvero, come potrebbe essere diverso?”

Ma nonostante tutto LaCava è ancora qui ed è tra i primi sostenitori di Tiger, convinto come tutti che tornerà in forma e che tornerà anche a vincere.

“Lo conosco e so che ne è capace. Ho ancora fiducia, che possa tornare, fare bene e vincere. Supererà l’infortunio o … come volete chiamarlo. Magari non sarà in grado di giocare ogni volta che vorrà. Ma appena avrà preso piena coscienza di questo, tornerà e giocherà ancora bene. La mia mentalità è sempre la stessa di quando ho iniziato a lavorare con lui: è Tiger Woods, semplice”.

  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf
  • Jim Furyk prossimo capitano americano?