Chawrasia

Renato Paratore, 68° con 218 colpi (71 73 74, +2), è rimasto in bassa classifica nell’Hero Indian Open, torneo in combinata tra European Tour e Asian Tour che si conclude sul tracciato del Delhi Golf Club (par 72), a Nuova Delhi in India.

Deciso attacco dei giocatori di casa in tre nelle prime quattro posizioni. Nuovo leader è S.S.P. Chawrasia con 202 (67 67 68, -14), che ha sorpassato l’australiano Terry Pilkadaris (204, -12), e sono al terzo posto con 206 (-10) Rashid Khan e Anirban Lahiri, campione uscente e rientrato in corsa per il titolo recuperando dal 14°. Un altro indiano, Rahil Gangjee è in quinta posizione con 207 (-9), affiancato dal francese Sebastien Gros, dal brasiliano Adilson Da Silva e del coreano Jeunghun Wang, e in nona con 208 (-8) è salito Arjun Atwal, primo indiano a giocare e a vincere nel PGA Tour. Con lo stesso score gli spagnoli Jorge Campillo e Alejandro Cañizares, il francese Julien Quesne e N Thangaraja dello Sri Lanka.

Possono solo sperare di migliorare la propria classifica l’australiano Scott Hend, lo statunitense David Lipsky, il filippino Angelo Que e Mardan Mamat di Singapore, 20.i con 211 (-5), il sudafricano Jbe Kruger, 28° con 212 (-4), e gli altri due filippini Antonio Lascuna, 34° con 213 (-3), e Miguel Tabuena, 45° con 215 (-1). Molto deludenti l’iberico Pablo Larrazabal, 62° con 217 (+1), e Siddikur Rahman del Bangladesh, abbastanza apprezzato nel circuito asiatico, 70° con 219 (+3).

S.S.P. Chawrasia (dove S.S.P. sta per Shiv Shankar Prasad), 38enne di Calcutta con due titoli nell’European Tour e uno nell’Asian Tour, ha realizzato quattro birdie in uscita (68, -4) e poi si è limitato a una azione di controllo. Terry Pilkadaris è partito con il piede sbagliato, ha perso un colpo sulle prime nove buche (due birdie e tre bogey) e poi ha infilato nove par nel rientro (73, +1).

Un doppio bogey in apertura ha condizionato il giro di Renato Paratore, che poi si è portato dietro i due colpi sopra par realizzando due birdie e due bogey nelle rimanenti 17 buche (74, +2). E’ uscito al taglio Edoardo Molinari, 81° con 146 (78 68, +2), il nono consecutivo subito dopo quelli nei primi sette tornei disputati quest’anno e nell’ultimo del 2015. Il montepremi è di 1.500.000 euro dei quali 246.588 saranno appannaggio del vincitore.

  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!
  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf