2016_04_22_shenzhen_manassero_ra

 

Il maltempo non ha permesso il regolare svolgimento della seconda giornata dello Shenzhen International (European Tour) sul percorso del Genzon GC (par 72), a Shenzhen in Cina, dove 35 concorrenti, tra i quali Renato Paratore, non sono riusciti nemmeno a prendere il via. Nella classifica provvisoria, suscettibile di variazioni importanti, rimarrà comunque in buona posizione Matteo Manassero, che è salito da 17° al settimo posto con 139 colpi (70 69, -5) riuscendo a mantenere concentrazione e controllo tra interruzioni e pioggia.

Non sarà invece facile raggiungere il coreano Soomin Lee, che grazie a un ottimo 65 (-7) e allo score di 131 (66 65, -13), ha mantenuto la leadership lasciando a tre colpi l’olandese Joost Luiten (134, -10). Al terzo posto con 137 (-7) l’irlandese Paul Dunne e il sudafricano Brandon Stone e al quinto con “meno 6” l’inglese Lee Slattery, fermato dopo cinque buche, e il francese Alexander Levy, leader insieme a Soomin Lee dopo un giro e stoppato alla terza.

Hanno lo stesso score di Manassero anche lo spagnolo Alvaro Quiros e il transalpino Gary Stal, si è portato dal 48° al decimo posto con 140 (-4) l’indiano S.S.P. Chawrasia e occupa il 15° con 141 (-3) l’iberico Miguel Angel Jimenez. Hanno giocato una sola buca lo statunitense Bubba Watson, 23° con “meno 2”, che l’ha sfruttata per realizzare un birdie, e il thailandese Kiradech Aphibarnrat, campione uscente, 36° con “meno 1”.

Paratore, che ha segnato un 75 (+3) d’apertura e che pur senza far nulla è ora al 93° posto rispetto al 107° in cui era terminato dopo 18 buche, dovrà realizzare uno score di almeno tre colpi sotto par onde evitare il taglio che dovrebbe cadere attorno al 144 del par, salvo che non si alzi per il perdurare del cattivo tempo.

Soomin Lee, 23 anni, professionista dal 2014 e membro dell’Asian Tour, ha compiuto due giri senza bogey con sei birdie nel primo (66, -6) e sette nel secondo. Matteo Manassero ha iniziato dalla buca 10 (par 4) centrandola con il secondo colpo per l’eagle a cui ha fatto seguire un birdie. Ha poi proseguito alternando due bogey a due birdie, l’ultimo in chiusura, per il parziale di 69 (-3). Il montepremi è di 2.470.000 euro dei quali 412.353 andranno al vincitore.

  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti