REPORT-DAY4.Immagine001_1280

 

Ci sono vibrazioni positive nella mattina del round finale dell’Emc Golf Challenge. Il sole sfiora gentile il percorso dell’Olgiata che verrà ricordato da tutti come un capolavoro di tecnica golfistica.

I professionisti chiudono il terzo giro sospeso ieri e, sciolti i muscoli durante una piccola pausa iniziano la marcia finale accompagnati da un pubblico numeroso.

Gli occhi son tutti per Matteo Delpodio che ha combattuto con il campo ma soprattutto con numerosi avversari che danzavano frenetici in seconda posizione.

Matte però è un osso duro, sente il profumo della vittoria in casa e sconfigge prima Borja Virto, poi quando la tensione alle stelle Sebastian Soderberg e Gary Boyd, leader in club house a 2 colpi sotto al par.

L’azzurro gioca da campione le ultime 3 buche, par alla 16 (par3), un intelligente birdie alla 17 (par 5) e una magnifica 18, da manuale, ancora un par con i due putt di regolarità.

La felicità esplode all’Olgiata, è bello avere una vittoria italiana, sapere che Matteo salirà di molto nel ranking del Challenge e soprattutto vedere gli amici e colleghi di sempre correre con lo spumante di rito.

Grazie Matteo, per le emozioni di questi 4 giorni. Si vedeva già dal primo giro la tua positività ma, per scaramanzia, facevamo finta di niente. Grazie anche per le parole in premiazione, è bello sentire la tua sensibilità per i tuoi colleghi, per la tua famiglia e per chi lavora sperando in una vostra vittoria.

Swing your life

  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti
  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf