Golf 72° OPEN D'ITALIA 2015 foto©claudio scaccini

L’Open d’Italia 2016 sarà nuovamente ospitato dal Golf Club Milano. Si svolgerà dal 15 al 18 settembre anticipato, come di consueto, dalla tradizionale Pro Am. Gara e data sono stati anche ufficializzati dall’European Tour, che ha reso noto il calendario della prossima stagione, proprio mentre a Dubai si sta concludendo l’attuale.

“Una decisione dettata dalla logica” ha detto il presidente della FIG Franco Chimenti e non poteva essere diversamente dopo lo straordinario successo che l’avvenimento ha avuto nello scorso settembre con il record assoluto di presenze. Vi sono però stati tanti altri aspetti che hanno reso il 72° Open d’Italia presented by Damiani un torneo emotivamente indimenticabile e di grande impatto promozionale.

L’interesse sempre crescente dei media nazionali e internazionali, a cui non è stato estraneo un field di altissimo profilo, le dirette televisive che hanno fatto il giro del mondo portando alla visione uno spaccato delle potenzialità organizzative, tecniche, strutturali e turistiche del golf italiano. E soprattutto un progetto nuovo del Comitato Organizzatore, forse ambizioso, ma che i numeri hanno pienamente promosso rendendo l’Open una manifestazione unica nel suo genere all’interno del circuito continentale. Un evento dedicato alle famiglie, con programmI extra campo ad hoc con un Villaggio Commerciale ragionato su temi molto più vasti del puro settore golf e che, in tal modo, ha richiamato l’attenzione anche di chi (e sono stati tanti) stava facendo la rituale passeggiata di fine settimana nella splendida cornice del Parco di Monza, desideroso di partecipare.

Portare al golf le famiglie ha significato altresì dare spazio ai bambini (anche in questo caso un primato con oltre mille che hanno frequentato l’apposita area del Kids Open) e ai più grandicelli, che fuori del percorso si sono trovati a tu per tu con i propri beniamini, in momenti di relax e pronti a dialogare con loro. In questi termini l’Open d’Italia è stato anche uno spot di peso nell’ambito della candidatura italiana per ospitare la Ryder Cup del 2022.

Tanti, dunque, i motivi che hanno condotto alla riconferma della location per il prossimo Open d’Italia in cui non è stato alieno il parere degli sponsor – aziende di grande prestigio – tutti rimasti pienamente soddisfatti del successo in generale, del movimento che si è creato e, non ultimo, anche per l’eleganza e per la creativa impostazione del Villaggio Ospitalità, lungo la buca 18, e del Villaggio Commerciale nel viale d’ingresso.

  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf
  • Il team USA e le magliette a sorpresa "Make Tiger Great Again"
  • Mi sono arrivate le novita' in negozio #VideoGolf