renato-paratore

Renato Paratore e Matteo Manassero saranno di scena nel Nedbank Golf Challenge (10-13 novembre), penultimo torneo stagionale dell’European Tour dove si delineeranno di migliori 60 dell’ordine di merito che saranno ammessi a partecipare al DP World Tour Championship (17-20 novembre) a Dubai. il gran finale in cui tra montepremi ($ 8.000.000) e bonus ($ 5.000.000) saranno in ballo 13 milioni di dollari.

Sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, si lotterà su due fronti: coloro che occupano la parte alta del ranking punteranno a giungere nell’Emirato in condizioni, economiche comprese, più vantaggiose e chi staziona nella parte bassa proverà a entrare in extremis tra i 60. L’esclusione dalla money list di Patrick Reed, che non aveva i requisiti, hanno fatto avanzare di un posto sia Paratore (da 61° a 60°), importantissimo perché ora è nel gruppo dei promossi, che Manassero (68°). Hanno bisogno entrambi di un risultato di peso, che sono in grado di ottenere, il romano per rimanere almeno ancorato alla posizione e il veronese per recuperare, dopo aver perso l’occasione nell’ultimo giro in Turchia. C’è naturalmente parecchio ottimismo che deriva dal buon gioco espresso e dalla determinazione con cui si sono battuti la scorsa settimana.

Field ai altissimo livello con dodici dei primi quindici della money list in campo, compresi lo svedese Henrik Stenson, numero uno, e l’inglese Danny Willett, numero due. Attraversano un gran momento lo svedese Alex Noren (5°), lo spagnolo Rafael Cabrera Bello (6°) e il danese Thorbjorn Olesen (9°), a segno domenica scorsa del Turkish Open. Assente il nordirlandese Rory McIlroy (3°), vincitore dell’ordine di merito 2015, che evidentemente ritiene possa bastargli l’ultima prova per riconfermarsi. A patto che a Sun City non vinca Stenson. Sono rimasti  a casa anche l’austriaco Bernd Wiesberger (11°) e l’inglese Lee Westwood (12°).

Oltre ai migliori dell’ordine di merito, attesi alla prova i sudafricani Louis Oosthuizen, Branden Grace, Charl Schwartzel e George Coetzee, il tedesco Martin Kaymer, i thailandesi Thongchai Jaidee e Kiradech Aphibarnrat, gli inglesi Andy Sullivan e Matthew Fitzpatrick, l’irlandese Padraig Harrington e lo svedese David Lingmerth, che frequenta il circuito americano.

Al torneo sono stati ammessi 72 concorrenti, i primi 64 dell’ordine di merito dell’European Tour, al netto delle defezioni, e otto invitati. Il montepremi è di sette milioni di dollari (circa 6.360.000) con prima moneta di 1.166.660 dollari (euro 1.048.523).

  • Il team USA e le magliette a sorpresa "Make Tiger Great Again"
  • Mi sono arrivate le novita' in negozio #VideoGolf
  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!