joseolazabal

Brutte notizie: José Maria Olazabal non sarà in campo all’Augusta National. Come riferito dall’Associated Press, il due volte campione del Masters salterà per la terza volta nella propria carriera il primo Major dell’anno. La causa sarebbe un problema di salute, che lo ha costretto a stare lontano dal Tour per quasi un anno.

La cosa ancor più preoccupante, è che il campione spagnolo non ha voluto specificare quale sia il problema, affermando semplicemente che gli esami mostrano un suo miglioramento, anche se tornerà solo quando non sentirà più dolore.

“Mi dispiace annunciare che non sarò in grado di partecipare quest’anno, perché non sto bene”, ha dichiarato Olazabal in un comunicato stampa. “Il Masters è davvero speciale per me e percorrere la Magnolia Lane all’ingresso, mi dà un senso di pace come nessun’altra cosa al mondo”.

Un torneo che ha vinto nel 1994 e nel 1999 e che lo fa sentire a casa. Conquistò la seconda giacca verde contro Greg Norman, proprio qualche tempo dopo il suo ritorno sul Tour a seguito di un brutto infortunio al piede, che rischiò di costringerlo al ritiro. Questa vittoria sancì la sua ascesa sul Tour e una serie di altri grandi successi da non “sottovalutare”. Come la Ryder Cup, conquistata con la squadra europea in veste di grande capitano nel 2012. E come l’ingresso nella World Golf Hall of Fame.

Preoccupa però che Olazabal non giochi esattamente dal secondo giro del Masters del 2015, quando chiuse in 71 colpi e non superò il taglio.

“È stata veramente dura restare a casa a fare niente durante tutto questo tempo. Ora sto meglio. Gioco un cesto di palline tutte le mattine e trascorro 45 minuti al giorno sul putting green. Pratico per circa tre ore ma non mi pongo date o obiettivi. Sarà il tempo a decidere.”

L’importante è che il campione spagnolo stia meglio: siamo sicuri che tornerà presto sul Senior Tour a dimostrare tutto il suo valore. Noi, glielo auguriamo con tutto il cuore.

  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti
  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf