edoardo molinari

Ottima partenza dei fratelli Francesco ed Edoardo Molinari, entrambi sesti con 68 (-3) colpi, nel 100° Open de France (European Tour) che si sta disputando sul percorso de Le Golf National (par 71), a Guyancourt in Francia, dove nel 2018 si disputerà la Ryder Cup. Al 45° posto con 72 (+1) Matteo Manassero, al 142° con 78 (+7) Renato Paratore e al 150° con 80 (+9) Nino Bertasio.

Leader a sorpresa, ma con pieno merito e con 66 (-5) colpi, è il danese Lucas Bjerregaard che ha impreziosito la sua prestazione con un “buca in uno”, seguito con 67 (-4) dall’austriaco Bernd Wiesberger, campione uscente, dal belga Thomas Pieters, dallo spagnolo Adrian Otaegui e dal thailandese Thongchai Jaidee. I due Molinari hanno la compagnia del francese Mathieu Decottignies-Lafon e dell’inglese Chris Hanson.

Il nordirlandese Rory McIlroy, numero quattro mondiale, non è andato oltre il 71 del par e occupa la 29ª posizione insieme al transalpino Victor Dubuisson, mentre non hanno trovato il passo giusto altri giocatori dai quali si attendeva una prestazione più tonica quali l’iberico Rafael Cabrera Bello, l’irlandese Padraig Harrington e l’inglese Luke Donald, 62.i con 73 (+2), il tedesco Martin Kaymer, lo spagnolo Alvaro Quiros e gli inglesi Lee Westwood e Matthew Fitzpatrick, 82.i con 74 (+3), e il nordirlandese Graeme McDowell, che ha lo stesso punteggio di Bertasio.

Lucas Bjerregaard, 25enne di Frederikshavn senza successi nel circuito maggiore e neanche nel Challenge Tour, ha realizzato la“hole in one” centrando direttamente dal tee alla buca 2 (par 3 di 202 yards) utilizzando un ferro 7. All’ace ha poi aggiunto cinque birdie e due bogey.

Francesco Molinari (via dalla 10ª) ha iniziato con un birdie, ha frenato con un bogey ed è tornato sotto par con due birdie consecutivi. Dopo il giro di boa ha completato lo score con due birdie e un bogey. Edoardo Molinari, anch’egli partito dalla 10, ha viaggiato in par per dieci buche (due birdie e due bogey), poi ha infilato tre birdie nelle successive quattro.

Matteo Manassero si è gravato di due bogey in quattro buche e successivamente è stato al continuo inseguimento del par, ma tre birdie e due bogey lo hanno lasciato in deficit di un colpo. Giornata nera per Renato Paratore e per Nino Bertasio. Il romano ha messo insieme cinque bogey e un doppio bogey, senza birdie. Bertasio nelle prime nove buche (dalla 10ª alla 18ª) ha segnato un 43 (+8) con un birdie, due bogey, due doppi bogey e un triplo bogey e un 37 (+1) nel ritorno con due birdie, un bogey  un doppio bogey. Il montepremi è di 3.500.000 euro con prima moneta di 583.330 euro.

  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!
  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf