rigoniasiago2016

Competizione, spirito sportivo, amore per la natura e, perché no, persino una buona memoria per un glossario tutt’altro che spartano. Il golf è questo, un mondo speciale, dove il bon ton continua ad essere di casa, dove il rispetto per le regole viene prima di tutto ma anche dove il divertimento coinvolge tutti, vincitori e non.

Considerato per lungo tempo uno sport per privilegiati, oggi, il golf è diventato meno elitario, non più associato ad abbienti signori di mezza età ma aperto ai giovani pronti a raggiungere classifiche importanti.

La natura, in questo sport, gioca un ruolo importante e non è casuale che i tanti green sparsi sul nostro territorio si trovino in località straordinariamente belle, con panorami mozzafiato, spesso vicini alle grandi città, disegnati da architetti famosi che hanno alle spalle una carriera golfistica d’eccezione.

Il 5 marzo parte la quinta edizione del Trofeo Rigoni di Asiago, un appuntamento che i golfisti hanno dimostrato di apprezzare moltissimo e che è vissuto come lo sponsor perfetto proprio grazie alla sua filosofia che mette la natura e il benessere al centro della sua produzione. Fiordifrutta, Mielbio, Nocciolata con o senza latte, Tantifrutti… sono le straordinarie delizie a cui i giocatori si sono affezionati, le delizie che, sotto la tenda cortesia allestita ad hoc, addolciranno vittorie e sconfitte.

Le tappe per il 2016 sono 52, più 4 semifinali (nord ovest, nord est, centro e sud) e una finale nazionale a Venezia il 24 settembre, dove i vincitori riceveranno, oltre all’ospitalità, un prestigioso premio offerto da Rigoni di Asiago.

Inoltre, in concomitanza con le gare, è prevista una raccolta fondi a favore di due Onlus: FATA ONLUS e Associazione Famiglia Aperta sul mondo.

Tutti i dettagli sulle date e le località in cui si svolgeranno le gare sono sul sito: www.rigonidiasiago.com

  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf
  • Jim Furyk prossimo capitano americano?