reed

Patrick Reed è uno dei campioni più amati e influenti del Tour. Classe 1990, texano come l’amico Spieth e con un carisma da vendere, ha conquistato in breve tempo il cuore dei tanti appassionati di golf. Le sue esultanze sono inconfondibili ma se si pronuncia il suo nome, non può non saltare alla mente la Ryder Cup 2016 di Hazeltine. È stato soprattutto merito della sua grande performance da campione, se gli Stati Uniti sono riusciti – dopo otto anni – a riportare il trofeo in patria. E se Reed non ha ancora sul proprio palmares neanche un Major, sappiamo che forse il 2017 potrebbe essere il suo anno.

Per questi motivi e certamente per tanti altri, il giovane campione americano ha ricevuto un permesso d’eccezione da parte dello European Tour. Proprio così: Reed è uno dei pochi professionisti americani ad essere in possesso sia della Carta sul PGA Tour che di quella sul Tour Europeo. Carta che avrebbe però potuto perdere a causa del suo ritiro improvviso dal Turkish Airlines Open di qualche settimana fa. Proprio questa assenza gli ha impedito di raggiungere il numero di cinque tornei organizzati dallo European Tour, necessario per assicurarsi un posto in Europa anche nella prossima stagione. Ma Keith Pelley e il suo Tour hanno un cuore d’oro… e Reed si sa, è un patrimonio troppo importante da lasciare andare.

Così lo European Tour ha deciso di permettere a Reed di farvi parte anche per il prossimo anno.

“Siamo lieti di annunciare che Patrick tornerà in azione sullo European Tour anche nel 2017”, ha dichiarato Keith Pelley, CEO dello European Tour. “È uno dei talenti di questo gioco, come lo testimonia la sua elettrizzante performance alla Ryder Cup di quest’anno. I nostri fans non vedono l’ora di vederlo di nuovo in azione”.

Secondo Pelley, Reed ha guadagnato la sua permanenza in Europa grazie alla vittoria nel 2014 del WGC-Cadillac Championship.

“Amo competere e sono orgoglioso del fatto di essere in possesso sia della carta del PGA Tour che di quella dello European Tour”, ha dichiarato Reed in un comunicato ufficiale. “Sono grato di continuare a far parte dello European Tour ed è molto importante per me poter competere contro i giocatori più forti al mondo, in ogni parte del mondo”.

  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti
  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf