matteo_manassero

Quartetto azzurro in alta classifica nell’Aberdeen Asset Management Scottish Open (European Tour): Matteo Manassero è all’11° posto con 71 (-1) colpi, ed Edoardo Molinari, Renato Paratore e Nino Bertasio, impegnatissimo nella corsa verso le Olimpiadi, sono al 21° con 72 (par).

Al Castle Stuart Golf Links di Inverness, in Scozia, conducono con 69 (-3) colpi l’australiano Scott Hend e il cileno Felipe Aguilar e sono a ridosso con 70 (-2) otto concorrenti: gli inglesi Richard Bland, Tyrrell Hatton, Andy Sullivan ed Eddie Pepperel, il nordirlandese Graeme McDowell, l’irlandese Padraig Harrington, lo svedese Alex Noren e il coreano Y.E. Yang. Affiancano Manassero, lo spagnolo Rafael Cabrera Bello, l’inglese Luke Donald e il neozelandese Danny Lee e e sono insieme agli altri tre azzurri il tedesco Martin Kaymer, lo scozzese Russell Knox e il cinese Ashun Wu, 21

L’evento che precede il 145° Open Championship, terzo major stagionale (Royal Troon GC, Scozia, 14-17 luglio), ha richiamato alcuni giocatori statunitensi tesi a cercare il passo giusto sui percorsi europei, ma al momento non brillano Steve Stricker, 56° con 74 (+2), e Phil Mickelson, 89° con 76 (+4), stesso score dello svedese Henrik Stenson. In panne il thailandese Thongchai Jaidee, 103° con 77 (+5), vincitore domenica passata dell’Open de France.

Su un campo che non concede molto Scott Hend ha marciato con un eagle, tre birdie e due bogey, e Felipe Aguilar ha mantenuto lo stesso passo con cinque birdie e due bogey.

Matteo Manassero è partito dalla buca 10 con un birdie, ha frenato con due bogey, ma un altro birdie lo ha riportato in par al giro di boa. Nel rientro due birdie e un bogey hanno fissato lo score. Via dallo stesso tee anche per Renato Paratore, che ha condotto in par entrambe la metà del campo con un birdie e un bogey in uscita e con due birdie e altrettanti bogey nel rientro.

Malgrado due birdie in tre buche Edoardo Molinari ha avuto parecchie difficoltà sulle prime nove concluse con un parziale di 38 (+2), perché nello score sono finiti anche un doppio bogey e due bogey. Due birdie di fila nel finale gli hanno fatto ritrovare il par.

Nino Bertasio, scattato dalla 10ª, dopo un birdie ha infilato tre bogey nella fase centrale del turno che l’hanno fatto scendere a metà classifica, ma successivamente è risalito con due birdie. Il montepremi è di 3.850.000 euro.

  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!
  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf