manassero-rio-day1

Il golf è finalmente tornato alle Olimpiadi. E non poteva essere un ritorno migliore. Si perché nonostante le tante assenze dei grandi campioni, lo spettacolo c’è stato eccome. Un po’ perché di campioni, Rio può vantarne comunque molti: da Martin Kaymer a Sergio Garcia, da Danny Willett a Henrik Stenson, da Bubba Watson a Padraig Harrington. E un po’ perché le Olimpiadi sono sempre una grande emozione.

Abbiamo sempre sognato di poter tifare italia ali giochi anche nel golf e quel sogno oggi si è finalmente avverato, grazie a Matteo Manassero e a Nino Bertasio, che hanno tenuto alti i colori del tricolore durante il giro di apertura. Già, Manny. Proprio lui che ad appena 16 anni nel 2009 fu tra i campioni che rappresentarono il golf alla riunione del Comitato Olimpico Internazionale di Copenaghen, quando si decise il ritorno ai Giochi. Il nostro Matteo ne fu testimone e chiave di volta, rappresentando appieno il futuro di questo sport. E oggi il campione veronese ha tenuto onore a quell’impegno preso nel 2009. Ha portato in campo un gioco solido fatto di birdie… ma anche di qualche di bogey, è vero.

Nonostante questo Manny ha chiuso il primo giro in 69 colpi, -2 sul par, dimostrando di essere finalmente in forma e di poter fare grandi cose nei giorni a venire. La tensione gli ha fatto qualche scherzo alla 2, quando ha chiuso in bogey… ma poi si è sciolto registrando due birdie di fila alla 4 e alla 5 che gli hanno permesso di portarsi a -1. Ha chiuso in par le prime nove, per colpa di un secondo bogey alla 7. Tutto da rifare certo, con nove buche davanti in cui ha ritrovato l’equilibrio. Ha giocato con regolarità e ha registrato due birdie, che l’hanno scaraventato in decima posizione in compagnia di altri campioni come Martin Kaymer, Sergio Garcia e Matt Kuchar.

Bene anche l’esordio di Nino Bertasio, che dopo aver chiuso in par le prime nove ha avuto qualche problema nelle seconde nove. Il campione italiano ha infatti registrato tre bogey, portandosi a +3 ma niente paura: è poi riuscito a recuperare, registrando due grandi birdie alla 17 e alla 18… Qui ha messo il terzo colpo in asta imbucando il semplice putt.

Ottima partenza per i nostri italiani che domani torneranno in campo e cercheranno di risalire la classifica. Una classifica dominata da Marcus Fraser, che ha ottenuto uno score ottimo in 63 colpi, -8 sul par. E pensare che Fraser, novantesimo nel ranking mondiale, non doveva nemmeno essere alle Olimpiadi. Non era qualificato, ma poi dopo i ritiri di Jason Day, Adam Scott e Matt Jones, è entrato di diritto ai giochi e sembra abbia anche voglia d lasciare il segno, conquistando una medaglia.

Ha provato a tenergli testa Graham DeLaet, che è partito con il turbo con l’obiettivo di difendere il titolo conquistato nel 1904 dal suo connazionale George Lyon. Il campione canadese ha registrato sei birdie e un bogey, arrivato alla buca due, e ha chiuso in 66 colpi in seconda posizione.

Bene anche gli altri campioni in gara, che non hanno deluso le aspettative. Henrik Stenson continua a dimostrare la grande forma e il grande gioco con cui ha conquistato il The Open e con cui ha chiuso in alta classifica anche il PGA Championship. Il campione svedese ha chiuso oggi in 66 colpi, grazie a un ottimo birdie alla 18, e si è portato così in terza posizione dietro a DeLaet.

Ottima prestazione anche quella di Justin Rose che ha infatti chiuso in 67 colpi, -4, portandosi in settima posizione. Il campione inglese è stato inoltre protagonista del primo hole in one mai registrato nella storia delle Olimpiadi, arrivato alla 4 con un colpo fenomenale. Anche Garcia, che ha chiuso in -2, è andato vicino all’albatross alla 18, quando il secondo colpo si è fermato a pochi centimetri dalla buca.

Grandi score ma anche grande spettacolo e tanta pelle d’oca. Uno spettacolo che annuncia di essere sempre più avvincente ed emozionante nei prossimi giorni, quando si entrerà nel vivo.

Appuntamento a domani e, oggi più che mai, forza Italia!

  • Golf Today ha svelato i suoi progetti alla Friends Cup #VideoGolf
  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf