open de france

Francesco Molinari, nono con 139 colpi (68 71, -3), ed Edoardo Molinari, 18° con 141 (68 73, -1), sono rimasti in alta classifica dopo il secondo giro del 100° Open de France (European Tour) che si sta disputando sul percorso de Le Golf National (par 71), a Guyancourt in Francia, dove nel 2018 si disputerà la Ryder Cup. Sono usciti al taglio gli altri tre italiani in gara: Renato Paratore, 67° con 146 (78 68, +4), Matteo Manassero (72 75) e Nino Bertasio (80 67), 80.i con 147 (+5).

Con un deciso attacco si è portato al comando il nordirlandese Rory McIlroy (137 – 71 66, -5), numero quattro al mondo, ma un bogey sull’ultima buca gli ha negato la leadership solitaria che ha dovuto condividere con il thailandese Thongchai Jaidee (67 70), con il finlandese Mikko Ilonen (69 68), con il sudafricano Brandon Stone (69 68) e con il cinese Jeunghun Wang (71 66). Al sesto posto con 138 (-6) l’austriaco Bernd Wiesberger, campione uscente, il danese Anders Hansen e il belga Nicolas Colsaerts e, insieme a Francesco Molinari, vi sono l’olandese Joost Luiten, l’inglese Andy Sullivan e il belga Thomas Pieters. Al 25° con 142 (par) il tedesco Martin Kaymer e lo spagnolo Rafael Cabrera Bello, al 33° con 143 (+1) l’irlandese Padraig Harrington, al 43° con 144 (+2) gli inglesi Luke Donald e Lee Westwood. Sono andati fuori l’inglese Matthew Fitzpatrick, 67° come Paratore, gli spagnoli Alvaro Quiros, 102° con 149 (+7), e Pablo Larrzabal, 112° con 150 (+8), e il nordirlandese Graeme McDowell, 136° con 153 (+11).

In una giornata ventosa, che ha complicato parecchio il gioco, Rory McIlroy ha guadagnato 28 posizioni con un 66 (-5). Dopo sei birdie in 17 buche ha spedito la palla in acqua alla 18 (bogey) ed è stato agganciato dai quattro inseguitori dei quali Jeunghun Wang ha ottenuto lo stesso 66 con sei birdie e un bogey. Hanno girato in 68 (-3) Mikko Ilonen, cinque birdie e due bogey, e Brandon Stone, quattro birdie e un bogey, e in 70 (-1) Thongchai Jaidee con quattro birdie e tre bogey.

Francesco Molinari ha concluso il suo giro in par (71), ma ha avuto diversi problemi, sbagliando tra l’altro qualche tee shot di troppo, però si è reso autore anche di ottimi salvataggi e in particolare ha evitato due bogey in finale mettendo a segno due lunghi putt. Complessivamente nel suo score figurano quattro birdie, due bogey e un doppio bogey. Edoardo Molinari ha iniziato con un birdie, poi ha chiuso in 73 (+2) con tre bogey. Encomiabili le reazioni di Renato Paratore e di Nino Bertasio dopo i punteggi pesantissimi della prima frazione. Il romano (via dalla 10ª) ha realizzato un 68 (-3) con un birdie un uscita e altri tre birdie e un bogey nel ritorno, rimanendo fuori per un colpo. Per Bertasio 67 (-4) colpi con cinque birdie e un bogey, mentre Matteo Manassero non ha mai trovato il passo giusto e con due bogey in ciascuna metà del campo per un 75 (+4) è uscito di scena. Il montepremi è di 3.500.000 euro con prima moneta di 583.330 euro.

  • 65 colpi senza bogey: bentornata Tigre!
  • GOLFTODAY FRIENDS CUP
    30 Novembre 2016
    GC Carimate #FotoGallery
  • I mitici vincitori dei Match Play dell'Emilia Romagna #VideoGolf