Fabian Gomez

Francesco Molinari ha concluso al 33° posto con 270 colpi (68 65 67 70, -10) il Sony Open in Hawaii (PGA Tour), la gara del suo debutto stagionale disputata sul percorso del Waialae CC (par 70) a Honolulu, nelle Isole Hawaii.

Ha vinto con 260 colpi (69 64 65 62, -20) l’argentino Fabian Gomez, che nel giro finale con un gran 62 (-8) ha rimontato dal quarto posto, recuperando quattro colpi a Brandt Snedeker (260 – 63 65 66 66) e poi lo ha superato con un birdie alla seconda buca di spareggio.

Lo statunitense era leader dopo tre turni insieme a Zac Blair, terzo con 261 (-19). Al quarto posto con 264 (-16) il coreano Si Woo Kim, al quinto con 265 (-15) Kevin Kisner e l’inglese Greg Owen, al nono con 267 (-13) Zach Johnson e al 13° con 268 (-12) Matt Kuchar e Jimmy Walker, campione uscente. Prestazioni piuttosto alterne dell’inglese Luke Donald e dell’australiano Marc Leishman, 28.i con 269 (-11), e decisamente sotto tono il fijiano Vijay Singh, 50° con 272 (-8), dopo essere stato in vetta nel giro d’apertura, l’irlandese Padraig Harrington e l’australiano Adam Scott, 56.i con 273 (-7).

Fabian Gomez, 37enne di Resistencia, ha colto il secondo titolo nel circuito, dopo essersi imposto nel FedEx St. Jude Classic del 2015. L’argentino è partito a manetta e con otto birdie in dodici buche ha recuperato lo svantaggio, poi con due bogey alla 13ª e 14ª ha rilanciato Brandt Snedeker, il quale dopo una partenza lenta con un bogey ha infilato quattro birdie ed è tornato in vetta alla 16ª, mente poco prima si era defilato Blair con un bogey alla 14ª (per lui 67, -3 colpi con cinque birdie e due bogey). Gomez ha ripreso Snedeker alla 17ª con il nono birdie di giornata e con il decimo alla 18ª ha risposto al quinto birdie dell’americano (66, -4). L’undicesimo birdie di Gomez alla seconda buca supplementare gli ha fruttato 1.044.000 dollari su un montepremi di 5.800.000 dollari.

Come nei due giri precedenti Francesco Molinari si è trovato a dover rimediare a due bogey nella prima parte del tracciato. Anche in questa occasione li ha compensati con altrettanti birdie, ma successivamente non ha dato l’accelerazione che per due volte l’aveva condotto sotto par e ha terminato con un bogey e un birdie per il 70 del par. 

  • La sacca di Romain Langasque #VideoGolf
  • Il team USA e le magliette a sorpresa "Make Tiger Great Again"
  • Mi sono arrivate le novita' in negozio #VideoGolf