RIECCOMIIIII di Tunz

tunz

Ciao a tutti . E’ indubbio che come blogger faccio abbastanza ridere, dal momento che non scrivo nulla da ottobre. Mi spiace piu’ che altro per le mie decine di migliaia di accanite fan femminili che si stanno strappando i capelli ormai da mesi non avendo mie notizie.

Allora da dove riprendiamo..l’ultimo pezzo lo avevo scritto dopo l’Australia..dopo siamo andati in Cina, dove il capo ha giocato bene e io sono stato davvero male! Spavaldo una sera sono uscito con i miei amici Jas (caddy di Chicco) e Aussie Brian (caddy di Colsaerts) a mangiare fuori, e non ho retto. Loro evidentemente hanno uno stomaco di acciaio o ferro che dir si voglia, perche’ non hanno fatto una piega. Io invece sono quasi svenuto sul tee della 3 il giorno dopo, per poi resistere fino alla 15, dove un grande Ser (coach di Edoardo e per quanto conti anche mio!) mi ha preso la sacca per le ultime buche.

Mi sono ritrovato in una clinica privata (fortunatamente, perche’ quando mi han detto ti portiamo all’ospedale cinese ho davvero temuto il peggio) dove per la modica cifra di 654 euro mi hanno fatto due flebo e a dir la verita’ rimesso completamente a nuovo! Il mattino dopo ero di nuovo in campo bello tonico..beh magari non bello tonico ma presente!

Vince Hanson su Rory.

Dopo c’era una settimana di pausa e poi di nuovo a Singapore, dunque per non tornare avanti e indietro nel giro di cinque giorni sono andato una settimana in Thailandia. Piu’ precisamente a Ko Chang, un’isoletta 5 ore a sud della capitale. Isola spettacolare, sabbia bianchissima giungla, acqua bollente e pesce dulla spiaggia a un euro! Posto molto frequentato dai caddy temo piu’ per la presenza femminile che non per le cattedrali gotiche sparse sul territorio. Non ero ancora in forma smagliante dunque sono stato tranquillo in giro per le spiagge affitando il motorino (foto) finche’ e’ successa una delle cose piu’ divertenti della mia vita!

Due tra i miei piu’ cari amici (Spinaci e Fra, scrivo i nomi cosi sono contenti) sono venuti a trovarmi! E per solo 3 giorni! Lo so direte che sono pazzi ed e’ proprio quello che ho pensato io ma e’ stato davvero divertente..molto scene alla “Una notte da leoni”.

Purtroppo una settimana passa in fretta, ed era di nuovo tempo di rimettersi al lavoro. Singapore e Giappone senza nulla di entusiasmante da segnalare, se non la carne di kobe a dir poco favolosa.

A dicembre c’e’ stato il Royal Trophy in Brunei, gara Europa contro Asia, dove i ragazzi sono stati sconfitti al playoff! Caldo pazzesco ma gara abbastanza divertente. Capitanava Olazabal fresco vincitore di Ryder, e molti dei caddy che erano li’ con me erano tra i miei ‘amici’, quindi tutto liscio. A parte un serpente che si e’ infilato nella sacca di Stenson, e’ rimasto li’ dentro tutta la notte (sacca in camera d’albergo) salvo poi uscire il giorno dopo quando eravamo tutti in putting green..tutto e’ bene quel che finisce bene. E da notare le 3 ore di stop del venerdi’ in cui pare si blocchi l’intero paese per volere del famoso sultano del Brunei(quello ricco ricco delle barzellette), dunque tutti fermi tra le prime e le seconde nove buche.

Ho dimenticato la cosa piu’ importante, cioe’ che il boss nel mentre viste le prestazioni mediocri dell’ultima stagione ha cambiato coach! Gia’ in Brunei (era proprio appena tornato dall’America) si vedevano i primi grossi cambiamenti di Mr Foley, e l’inverno di pratica e’ continuato su quelle prime impronte.

Anno nuovo. Io passato un mesetto tranquillo tra casa e montagna e poi siamo ripartiti per gli Emirati Arabi. Come e’ facilmente intuibile dopo cambiamenti cosi’ grossi nello swing il gioco ci mette un po’ tornare, ed e’ stato cosi’ anche per Dodo. Un po’ di tribolamenti iniziali con 3 tagli mancati, poi io ho lavorato per il mio vecchio amico Teo Delpodio un paio di settimane sudafricane(dove ho visto un grandissimo potenziale). Ancora due tagli mancati per noi tra Sudafrica e India, fino ad arrivare in Malesia dove dopo una settimana di gran gioco ha finito secondo! Ci voleva proprio! Molto morale, fiducia per il lavoro svolto e per la tanta pratica anche nell settimane piu’ buie, e via in Marocco, dove passiamo il taglio dopo un 81 iniziale.

Due settimane a casa e poi ancora Spagna, Corea e Cina. Passiamo due tagli con un top30, e intanto Adam Scott vince il Masters. L’anno passato ero li’, quest’anno l’ho visto in un Irish pub a Valencia ma va bene lo stesso, torneremo ne sono sicuro! Meno bene che Adam mi ha lasciato sul lastrico dato che avevo puntato la casa su Cabrera, ma questa e’ un’altra storia.

Bene ora si riparte, spero di non avervi stufato troppo e provo a promettere di essere un po’ piu’ presente da qui in avanti. Per i piu’ smanettoni mi trovate anche su Twitter.

Prossima settimana cavalli Rose e Westy.

Stay tuned

Tunz

E noi siamo ancora qua … di Antonio “Tunz” Garbaccio

Questo e’ il ritornello che io e Dodo negli ultimi mesi ci cantavamo sempre in campo nei momenti duri..

Bene, dopo tre mesi si ritorna a gareggiare!!

Io non ho molto da segnalare, un luglio passato a studiare con un esame superato con un brillante quanto inaspettato 27, un paio di settimane da caddy al ‘Muso’ Alessandro Tadini, che in grande forma da lungo tempo solo io sono riuscito a non far vincere. Poi un po’ di mare all’isola d’Elba in assoluto relax, qualche giorno in montagna, tanto poker, un po’ di pratica e siamo arrivati a settembre!

Vi scrivo oggi dopo il primo giro di prova all’Open d’Italia al Royal Park e non voglio sbilanciarmi sul gioco di Dodo per adesso, ma inizio dicendo che prima di tutto sono felice di essere qui riconfermato al suo fianco, e poi siamo contenti di poter tornare quasi in anticipo rispetto alle iniziali previsioni sulla ripresa del suo polso.

Mi ha fatto piacere tornare al golf oggi, salutare tanti caddy che nell’ultimo anno sono stati comunque compagni di viaggi, di cene, di momenti belli e meno belli, e grandi dispensatori di consigli.

Seguiteci tutti sta settimana, anche se sara’ difficile rientrare col botto, perche’ come dice Conte “mica possiamo vincere il campionato, arriviamo da due settimi posti …”.

Stay tuned

Tunz