PGA Tour: spareggio vincente per Bill Haas al Northern Trust Open

È il (quasi) trentenne Bill Haas il vincitore del Northern Trust Open, disputatosi al Riviera CC (par 71) di Pacific Palisades, in California. SuperBill (195 presenze sul PGA Tour e 4 affermazioni, oltre alla vittoria 2011 da dieci milioni di dollari della FedEx Cup), si è imposto con 277 colpi (72 68 68 69), sette sotto par.

Onore al vincitore, ma prima bisogna fare un (rapido) passo indietro, perché le quattro giornate sono state davvero avvincenti, in un’adrenalinica suspense fino all’ultimo. Partire con i favori del pronostico mette già nella sacca, insieme ai bastoni, un certa pressione. Eppure – pronti, via – incurante di tutto, Mickelson (trionfatore tre giorni prima a Pebble Beach), chiude a razzo il primo giro in 66 colpi (5 sotto par, con sei birdie) e concede il bis nella seconda tornata, anche se condotta a ritmi più umani (70 colpi).

A metà torneo “Lefty” guarda tutti dall’alto e sembra (quasi) fatta, se non fosse che una vecchia conoscenza dei piani alti dei Major, tale Keegan Bradley, ovvero Mister PGA Championship in carica, riapre le danze con un eccezionale 66 al terzo giro, che lo porta a quota 206, proprio a pari merito di Mickelson (70 pure al terzo giro).

Nell’ultima tornata i due incappano in un onesto par, insufficiente a contenere il ritorno di Haas, in agguato con soli due colpi da recuperare. Il suo 69 del quarto giro obbliga i tre agli straordinari, con SuperBill che chiude il discorso con un birdie alla seconda buca di spareggio, mentre Micky annaspa nella sabbia e a Bradley sfuma il birdie da tre metri. Quarto posto per lo spagnolo Sergio Garcia (con 279 colpi, -5), che va applaudito per il balzo di ben 45 posizioni nell’ultima tornata (64, -7).

Chiuso il sipario, già si pensa al prossimo appuntamento. Siamo a un bivio: da una parte il Messico, con il Mayakoba Golf Classic di Riviera Maya (montepremi di 3,7 mln di dollari); dall’altra il piatto (molto) ricco di Marana, Arizona, che ospita – a partire dal 22 febbraio – il WGC Accenture Match Play, insaporito da un goloso montepremi di 8,5 mln di dollari.