alessandro.marcoli@atos.net'

La Bouvette di Ale Marcoli, 17° giro: Bimbi, Giardini e Tesssori.

Questa settimana, tra le altre cose, parliamo dei nuovi acquisti di Ian Poulter, delle nuove Pro V1 e delle edizioni speciali di Callaway per i Major 2013. A parte questo vorrei sottolineare il mio apprezzamento per l’impresa di Chris Wood, il neo vincitore del Qatar Masters: con un eagle alla 18 si è finalmente tolto la scimmia di non vincere mai, grande!

Buca 1: TaylorMade-er. Visto che tutta la campagna TaylorMade era basata sul suffisso -er (longer), anche l’invito al party era in linea

Buca 2: Baby Boomer. No, dico, beccatevi le stecche che tira questo bambino di 17 mesi!

Buca 3: Pro e non Pro. Guardate che bella la pubblicità delle nuove Pro V1 e Pro V1x con professionisti e amateur insieme.

Buca 4: Augusta National in giardino. Probabilmente ne avrete già sentito parlare, ma è sempre bello vedere il giardino di questo fanatico Americano che si è ricreato la 17 di Sawgrass, la 13 di Augusta e la Road Hole di St. Andrews in giardino.

Buca 5: Sponsor. Kaymer ha cambiato cappellino: non ha più lo sponsor Schüco, il contratto con l’azienda di energie rinnovabili si è infatti concluso a fine 2012. Il giocatore Tedesco sembrerebbe sfoggiare il logo del golf club Whisper Rock di cui è membro.

Buca 6: No ONE is safe. L’avete vista la pubblicità Nike di Rory e Tiger “No Cup Is Safe”? Bella vero? Ma ancora più bello è questo geniale rifacimento!

Buca 7: I suoi tessori. Ecco i 4 pargoli di Ian Poulter.

Buca 8: Leggende passate e future. Ecco la cover dell’edizione europea di “Tiger Woods PGA 2014”.

Buca 9: Letali. Tra le novità 2013 di TaylorMade, oltre a dei legni che sembrano degli snowboard ci sono le palline che sostituiranno le Penta. Le hanno chiamate Lethal. No dico, LETHAL. Paura!

In Bouvette: Cally Superstar. Lo volete vedere uno scoop in anteprima? Ecco le sacche che i pro Callaway sfoggeranno durante il Masters e lo US Open!

Seguimi su twitter @theAleMarcoli

Leggi tutte le altre Bouvette qui

Chris Wood ha vinto il Commercial Qatar Masters; Manassero e Gagli 22esimi

L’inglese Chris Wood ha vinto con 270 colpi (67 70 64 69, -18) il Commercial Qatar Masters, dove si sono classificati al 22° posto con 279 (-9) Matteo Manassero (69 72 71 67) e Lorenzo Gagli (68 71 69 71).

Wood, 25enne di Bristol, ha conquistato il primo titolo nel circuito superando con un eagle sull’ultima buca lo spagnolo Sergio Garcia e il sudafricano George Coetzee, secondI con 271 (-17), i quali giunti prima dell’inglese in club house già stavano pensando allo spareggio.

Coetzee ha rimontato dalla settima posizione con in parziale di 65 (-7) dovuto a un eagle, sei birdie e un bogey, entrando da leader in club house. Garcia, in vetta dopo due turni e poi sceso al quinto posto, ha avuto una partenza lenta (un birdie e un bogey), ma successivamente ha messo a segno sei birdie in undici buche per il 66 (-6) e ha affiancato il sudafricano.

Wood, leader con tre colpi di margine, ha subito molta pressione inizialmente pagata con un doppio bogey, ma è passato in par al giro di boa segnano tre birdie e un bogey. Ha realizzato un altro birdie alla 14 e quando Garcia ha concluso la sua corsa aveva ancora tre buche da giocare. Ha mancato un abbordabile birdie per agganciare il duo di testa, ma si è espresso in maniera esemplare sull’ultima buca: gran drive a centro fairway, secondo colpo a un paio di metri dall’asta e palla a bersaglio per l’eagle del sorpasso.

Manassero, che ha risalito la classifica di 23 gradini, ha cominciato con due bogey in quattro buche, ma nelle rimanenti è stato impeccabile con sette birdie per il 67 (-5). Gagli ha perso sette posizioni con un 71 (-1) mettendo insieme tre birdie e due bogey.