Guido Migliozzi vince l’European Nations Championship.

Guido Migliozzi 7

Guido Migliozzi ha vinto con 287 colpi (74 71 72 70, -1), unico giocatore sotto par, la gara individuale dell’European Nations Championship, prestigioso evento  internazionale disputato sul percorso del Real Club de Golf Sotogrande (par 72), nei pressi di Cadice in Spagna.

Gli azzurri hanno sfiorato il clamoroso en plein, ma nel torneo a squadre sono stati superati dalla Scozia dopo playoff.

Migliozzi, terzo dopo tre giri a due colpi dall’olandese Lars Keunen e dallo spagnolo Mario Galiano, ha operato la rimonta esprimendosi con un ottimo 70, secondo punteggio di giornata, e ha avuto nettamente la meglio sullo stesso Galiano e sullo scozzese Neil Bradley (290, +2), mentre Keunen è terminato quarto con 291 (+3), penalizzato da un 76 (+4). In quinta posizione con 292 (+4) l’irlandese Jack Hume e in sesta con 293 (72 74 73 74, +5) un ottimo Renato Paratore, alla pari con l’olandese Robbie Wan West. Al 31° posto Edoardo Raffaele Lipparelli con 304 (77 70 78 79, +16) e al 50° Lorenzo Scalise con 310 (71 76 79 84, +22). gli altri due componenti del quartetto azzurro.

Nella gara a squadre l’Italia (878 – 217 215 223 223, +14) è stata in vetta sin dal giro iniziale e praticamente fino alle ultime battute quando è stata raggiunta dalla Scozia (Scott Borrowman, Neil Bradley, Jack McDonald, Graeme Robertson), che ha rimontato cinque colpi (221 215 224 218). A quel punto si è reso necessario il playoff affidato a Renato Paratore, che però alla seconda buca supplementare ha dovuto lasciare strada al birdie del suo avversario. Terzo posto alla Francia (880, +16), quindi Irlanda (880), Olanda (887, +23), Danimarca (887) e Spagna (894, +30).

Nel campionato femminile Virginia Elena Carta ha offerto una buona prestazione classificandosi al nono posto con 306 colpi (70 77 82 77, +18), dopo essere stata al comando nel giro iniziale. In media classifica Martina Flori, 23ª con 319 (81 76 79 83, +31), e Carlotta Ricolfi, 27ª con 323 (80 79 82 82, +33). Il titolo è stato appannaggio con 294 colpi (76 71 73 73, +6) della danese Nanna Koerstz Madsen, che ha approfittato del cedimento dell’inglese Annabel Dimmock, con la quale condivideva la leadership e finita quinta con 301 (+13) dopo un 81 (+9). Al secondo posto con 297 (+9) la svizzera Albane Valenzuela, al terzo con 298 (+10) la francese Shannon Aubert e al quarto con 300 (+12) la spagnola Natalia Escuriola.

Nella graduatoria a squadre ha avuto la meglio la Francia (Shannon Aubert, Mathilda Cappeliez, Anyssia Herbaut) con 595 colpi (+19) che nel giro finale ha sorpassato la Spagna (598, +22). Bronzo per la Danimarca (606, +30), quindi nell’ordine Inghilterra (607, +31), Olanda (610, +34) e Svizzera (613, +37). Al nono posto l’Italia (623, +47).

Roberta Liti da Sotogrande: “Sono nona, ma se imbuco domani le frego tutte”

Sul percorso del Real Club de Sotogrande, nei pressi di Cadice, è iniziata la  44ª edizione della Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship con classifica a squadre e individuale.

Siamo riusciti a contattare Roberta Liti, nostra azzurra che ci ha aggiornato sull’andamento della gara e sulle condizioni meteo che stanno incontrando tutti gli atleti.

“Ieri c’era un vento molto forte, oggi le condizioni erano migliori. Se domani gira il putt le frego tutte. Voglio andare sotto par domani, sto sognando un 66″.

Roberta Liti è nona con un totale di 152 colpi (75-77) a sette colpi dalla vetta del torneo che in questo momento è di  Patricia Sanz Barrio. Comanda la Spagna per la classifica a squadre con 294 colpi totali, settima la compagine azzurra a 14 colpi di ritardo.

Gli aggiornamenti del comparto maschile sono invece ancora quelli della prima giornata: l’Italia (Filippo Campigli 74, Renato Paratore 74, Corrado De Stefani 79, Giulio Castagnara 79) è al nono posto con 227 colpi e ne rende 12 all’Inghilterra, leader con 215. Al secondo posto la Francia (220), al terzo la Scozia (221), al quarto la Germania e la Danimarca (222). al sesto il Portogallo (223), al settimo l’Irlanda (224) e all’ottavo la Spagna (226), vincitrice nel 2012.

Nella graduatoria individuale è in vetta con 68 l’inglese Toby Tree seguito con 70 dallo spagnolo Santiago Vega de Seoane Saez, con 71 dallo scozzese James White e con 72 dal danese Christian Gloet, dal francese Adrien Saddier, dal tedesco Maximilian Roehrig e dal portoghese Gonçalo Costa. Al 13° posto Paratore e Campigli, al 55° De Stefani e Castagnara.