I risultati agonistici conseguiti nell’annno 2013 dagli atleti lombardi. Di Gino Pelizzari

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I risultati conseguiti nell’anno 2013 dagli atleti lombardi sono, a livello sportivo, sicuramente di grande prestigio.

L’elenco è molto lungo e pertanto mi limito a citare i risultati più significativi senza, per questo, dimenticare tutti gli altri che sono egualmente molto importanti.

Incomincio da Febbraio con la vittoria di Giacomo Garbin e Camilla  Mazzola nel Campionato Nazionale Ragazzi e Ragazze Match Play. A Marzo Francesco Testa vince la Coppa d’Oro Città di Roma.

Si continua nel mese di Aprile dove ai Campionati Nazionali Stroke Play Lorenzo Scalise  si classifica al secondo posto ed è vice Campione d’Italia. A Maggio nel Campionato Internazionale d’Italia Maschile Francesco Testa e Lorenzo Scalise sono semifinalisti.

Nel mese di Giugno Teodoro Soldati  si laurea Campione d’Italia  Match Play mentre Francesca Avanzini conquista il secondo posto in quello femminile ed è vice Campione d’Italia. A seguire nel Campionato Nazionale Cadetti Teodoro Soldati  conquista il secondo gradino del podio ed è nuovamente vice Campione Italiano.

Sempre nel mese di Giugno nel Campionato Nazionale Baby otteniamo una storica vittoria con Pietro Bovari e Alessia Nobilio, entrambi del golf Ambrosiano, che salgono sul gradino più alto del podio conquistando il titolo di Campioni Italiani. Sempre a Giugno Giacomo Bianchi Albrici  si aggiudica il Trofeo Federale PGAI a Margara.

Nel mese di Settembre, la squadra di Villa D’Este è Campione d’Italia nel Campionato Nazionale a Squadre Under 18 Trofeo E. Pallavicino mentre il Golf della Pinetina si classifica al secondo posto nel Torneo di Qualifica a Squadre aggiudicandosi in tal modo il diritto di giocare il Pallavicino 2014.

Ai Campionati Nazionali a Squadre i circoli di Monticello e Villa D’Este si laureano Campioni D’Italia rispettivamente nel Torneo di Qualifica a Squadre Maschile e Femminile.

Un anno eccezionale, quindi, che ci gratifica per tutto il lavoro svolto sia a livello organizzativo, sia a livello didattico dove lo staff degli istruttori Federali del Comitato Lombardo ha dato, insieme ad i maestri personali degli atleti, un contributo significativo per il raggiungimento di questi traguardi.

Sarà, pertanto, per il futuro molto difficile ripetersi ma sicuramente noi ci proveremo.

 

Gino Pelizzari

Responsabile Attività Giovanile Lombarrdia

The Junior Players Championship: Vince lo statunitense Austen Truslow; 30° Scalise; 53° Garbin

JuniorPLAYERS677

Lorenzo Scalise ha concluso al 30° posto con 226 colpi (80 73 73, +10) il The Junior Players Championship, prestigioso torneo giovanile svoltosi sotto l’egida dell’Aiga.

Sul percorso del al TPC Sawgrass (Stadium Course, par 72), a Ponte Vedra in Florida, ha concluso al 53°posto con 232 (82 76 74, +16) Giacomo Garbin.

Ha prevalso con 213 colpi (71 67 75, -3) lo statunitense Austen Truslow che, pur non brillando con un 75 (+3) conclusivo, è riuscito a distaccare di due colpi Austin Connelly, George Cunningham e Zachary Bauchou (215, -1).

Renato Paratore 2° nell’English Boys Open Amateur Stroke Play. Ottimi piazzamenti per Scalise e Garbin

renato-paratore

Gli azzurri hanno offerto un’ottima prestazione di squadra nell’English Boys Open Amateur Stroke Play Championship/Carris Trophy, dove Renato Paratore  si è classificato al secondo posto con 286 colpi (71 72 70 73, -2), Lorenzo Scalise al quarto con 287 (76 68 69 74, -1) e Giacomo Garbin al sesto con 291 (69 76 72 74, +3).

Paratore ha concluso la gara in vetta alla graduatoria alla pari con gli inglesi Ben Amor (286 – 74 67 72 73) e Jamie Li (286 – 73 74 69 70), ma nello spareggio ha sbagliato il drive ed è uscito alla prima buca con un bogey, poi alla seconda il 18enne Amor ha conquistato il trofeo.

Questi aveva iniziato il turno finale al comando insieme a Paratore e a Scalise ed aveva preso rapidamente tre colpi di vantaggio, ma successivamente non ha potuto contenere la reazione degli azzurri e di Li: il romano riusciva ad agganciarlo, mentre Scalise rimaneva fuori per un colpo dallo spareggio a cui avrebbe sicuramente meritato di partecipare.

Da elogiare anche Giacomo Garbin, che era stato leader nel turno iniziale. Hanno recuperato posizioni nel finale Federico Zucchetti, 38° con 301 (73 78 79 71, +13), e Jacopo Guasconi, 52° con 304 (78 74 78 74, +16) che erano entrati tra i 68 concorrenti ammessi ai due turni conclusivi.

A corollario dell’ottima prova collettiva Italia 2 (Garbin, Guasconi, Scalise) ha vinto con 287 (-1) colpi il Trofeo delle Nazioni superando Inghilterra 2 (288, par). In terza posizione Italia 1 (Migliozzi, Paratore, Zucchetti) con 290 (+2), in quarta l’Austria (295, +7) e in quinta Inghilterra 1 con 297 (+9).

Non hanno superato il taglio dopo 36 buche Gianmaria Rean Trinchero, 69° con 153 (77 76, +9), Luigi Botta, 77° con 154 (75 79, +10), e Guido Migliozzi, 95° con 156 (82 74, +12).

L’Italia ha vinto il Quadrangolare Boys a Mallemont in Francia.

L’Italia ha vinto con pieno merito il Quadrangolare Boys svoltosi sul percorso del Pont Royal Golf Club a Mallemont in Francia.

Gli azzurri nell’incontro decisivo hanno superato la Francia con un netto 6-3 e hanno concluso il torneo a punteggio pieno. Questa la classifica finale: Italia p.3; Francia p.2; Svezia p. 1; Scozia p. 0.

Gli azzurri hanno mostrato nelle tre giornate una grande compattezza e una netta superiorità nei doppi che ha pesato in maniera determinante sui risultati.

Nei nove foursome disputati gli italiani hanno ceduto solo mezzo punto sui nove a disposizione e anche la Francia ha dovuto pagare dazio iniziando i singoli con il pesante svantaggio di 0-3 maturato per i successi di Luigi Botta/Jacopo Guasconi (6/5 su Nicolas Manifacier/Joris Etlin), di Gianmaria Trinchero/Guido Migliozzi (2/1 su Alexandre Daydou/Paul Elissalde) e di Giacomo Garbin/Lorenzo Scalise (4/2 su Victor Veyret/Thomas Le Berre).

Nei singoli Botta ha conquistato il quarto punto (4/3 su Veyret) e Trinchero il quinto che ha dato la certezza del titolo (3/2 su Elissalde) poi il punteggio è stato perfezionato dai pareggi tra Scalise e Manifacier e tra Garbin e Le Berre. Per i transalpini punti pieni di Etlin (1 up su Guasconi) e di Daydou (3/1 su Migliozzi).

Ha detto Giovanni Bartoli, capitano della formazione italiana: “L’impegno con i transalpini è stato sicuramente il più difficile, sia per la loro forza sia perché erano in casa. Abbiamo incontrato tre squadre di livello e averle battute  con punteggi abbastanza importanti è un’ulteriore conferma della qualità della prestazione. E’ stato un successo del gruppo: i ragazzi hanno dimostrato grande affiatamento, voglia di vincere e hanno evidenziato molta qualità”.

Tra gli italiani non hanno subito sconfitte Garbin e Scalise con cinque punti ciascuno dovuti a quattro successi e due pari, di cui uno in coppia nell’unica concessione fatta agli avversari nei doppi (contro la Svezia).

Cinque punti anche per Migliozzi e per Botta, che però hanno perso un singolo, quindi 4,5 per Trinchero (4 successi, un pari, una sconfitta) e tre per Guasconi. Oltre a Giovanni Bartoli, ha accompagnato il team italiano l’allenatore Giovanni Gaudioso.

Il Triveneto vince il Trofeo dell’Attività giovanile

La selezione del Triveneto ha vinto con 919 colpi (309 610) la decima edizione del Trofeo Nazionale dell’Attività Giovanile riservato alle selezioni delle sette zone in cui è stata divisa convenzionalmente l’Italia in relazione all’organizzazione della stessa attività. Si è tornato a giocare sul percorso del Golf Club Padova dove nel 2002 l’evento era nato e, per una curiosa coincidenza, ha vinto il Triveneto che dopo essersi imposto in quell’occasione non aveva più colto altri titoli. E’ terminata al secondo posto con 922 la Lombardia (313 609), campione negli ultimi due anni, seguita da Piemonte-Liguria Valle d’Aosta (926), Emilia Romagna-Marche (944), Lazio-Abruzzo-Molise-Campania (947), Toscana-Umbia (974), Sud e Isole (1053).

Ogni compagine era composta da dieci giocatori: otto ragazzi, dei quali due under 18, due under 16, due under 14 e due under 12, e due ragazze under 18. Nella prima giornata si sono svolti i foursome, nella seconda i singoli: per la classifica erano validi quattro score su cinque nei doppi e otto su dieci nell’individuale.

Il Triveneto si è portato in vantaggio dopo il primo turno (309) con quattro colpi di margine sulla Lombardia, sette su Emilia Romagna-Marche e nove su Lazio-Abruzzo-Molise-Campania. Nel turno conclusivo appassionante il duello finale tra le prime due classificate: i lombardi hanno tentato il sorpasso con Lorenzo Scalise (71) e con Giacomo Garbin (72), ma i padroni di casa hanno mantenuto il piccolo ma sufficiente margine grazie alle due azzurre Laura Lonardi e Stefania Avanzo e al campione italiano pulcini Guido Migliozzi.

Nell’albo d’oro la Lombardia vanta quattro successi (2005-2006-2009 -2010), il Lazio tre (2003-2004-2007), il Triveneto due (2002- 2011) e il Piemonte/Liguria/Valle d’Aosta uno (2008).

La cerimonia di premiazione, alla quale sono intervenuti il Consigliere Federale Marco De Rossi, il Presidente del Comitato Veneto Stefano Mazzi e il Presidente del Golf Club Padova Claudio Giordano, è stata una festa per tutti i ragazzi partecipanti e in particolare per la squadra vincitrice formata da Gianmarco Libardi, Gianmaria Mazzetto, Alvise Fabrizio, Pietro Crema, Guido Migliozzi, Alberto Castagnara, Leonardo Bellini, Leonardo Novella, Stefania Avanzo, Laura Lonardi con il capitano Daniele Martinis e il Coach Giorgio Grillo. Nel prossimo anno il Trofeo si svolgerà in Toscana.

Nicolò Porta

Redazione