Diana Luna è la nuova ambasciatrice di Richard Mille

Diana Luna

Il brand svizzerodi orologi di lusso ha da poco siglato due nuove partnership nel mondo del golf, una con la campionessa Diana Luna e l’altra con il Lacoste Ladies Open de France, torneo di cui sarà Partner Principale.

Richard Mille desiderava sostenere lo sport femminile così ha deciso di far entrare in squadra la prima ambasciatrice sportiva, la nostra Diana Luna, la cui personalità e carriera promettente hanno immediatamente conquistato l’imprenditore francese.

Sarà un modello RM 007 Titanio che vedremo sul green al polso di Diana Luna, in particolare durante il Lacoste Ladies Open de France, che si svolgerà dal 26 al 29 settembre al Chantaco Golf Club di Saint-Jean-de-Luz (Paesi Baschi).

Richard Mille darà inoltre il suo nome alla Pro-Am che avrà luogo il 25 settembre. Durante i tre giorni di competizione, si sfideranno le 78 migliori giocatrici europee e la vincitrice riceverà un orologio da donna RM 007 Titanio, un pezzo unico, riconoscibile per la sua corona bianca, il cinturino in caicciù bianco e il nome del torneo “Lacoste Ladies Open de France” inciso sulla carrure.

Foto Tom Dulat-Getty Images

Inizia il Ladies European Tour. Per noi Sergas, Luna, Zorzi.

 

Il Ladies European Tour inizia, come di consueto, dall’Australia con l’Australian Masters (2-5 febbraio) in programma al RACV Royal Pines Resort nel Queensland.

Vi prendono parte Giulia Sergas, Diana Luna e Veronica Zorzi decise a iniziare nel modo migliore la stagione sollecitate anche da un ottimo nel field nel quale figurano, tra le altre, la statunitense Christina Kim, le inglesi Melissa Reid e Laura Davies, le svedesi Sophie Gustafson e Caroline Hedwall, la sudafricana Lee Anne Pace e le australiane Katherine Hull, Nikki Campbell, Frances Bondad, Sarah Kemp e Nikki Garrett.

Il montepremi è di 381.789 euro.

 

Dubai Ladies Masters: la Thompson da record. Ecco l’ordine di merito finale

La statunitense Alexis Thompson (273 – 70 66 70 67, -15) ha dominato l’Omega Dubai Ladies Masters, ultimo torneo stagionale del LET svoltosi sul percorso dell’Emirates Golf Course. A 16 anni, 10 mesi e 7 giorni è diventata la più giovane professionista a vincere nel circuito femminile europeo, dopo aver centrato a settembre lo stesso obiettivo nel LPGA Tour (suo il Navistar Classic all’età di 16 anni, 7 mesi e 8 giorni). Nel LET aveva fatto meglio la coreana Amy Yang, che aveva colto il primo successo a 16 anni, 6 mesi e 8 giorni, ma quando vinse l’ANZ Masters (2006) era ancora dilettante.

Con un giro finale in 67 (-5 con sette birdie e due bogey) la Thompson, che ha avuto un premio di 75mila euro su un montepremi di 500mila, ha lasciato a quattro colpi Lee-Anne Pace (277, -11), a cinque Sophie Gustafson (278, -10) e a sei Becky Morgan, Stacy Lee Bregman e Pernilla Lindberg (279, -9).

Bella prestazione di Margherita Rigon, 12ma con 283 colpi (70 68 74 71, -5), che è rimasta sempre nelle posizioni di testa e che con i 7.800 euro guadagnati è salita a 76mo posto nell’ordine di merito salvando in extremis la carta. A metà classifica, dopo un andamento altalenante, Veronica Zorzi, 25ma con 286 ( 74 70 68 74, -2), Diana Luna, 30ma con 288 (69 73 71 75, par), e Giulia Sergas, 37ma con 289 (75 69 71 74, +1); in bassa posizione Sophie Sandolo, 50ma con 293 (72 73 74 74). Non ha superato il taglio Stefania Croce, 90ma con 151 (+7).

Nell’ordine di merito ha prevalso la giapponese Ai Miyazato con 363.079 euro (e due sole gare disputate, tra cui il ricchissimo Evian Masters). Al secondo posto l’inglese Melissa Reid (286.577), al terzo la svedese Caroline Hedwall (278.528), che ha attaccato la rivale nei due giri finali senza fortuna (nona al traguardo con 282 e -6, ma sarebbe servita almeno la quarta piazza avendo la Reid concluso in 22ma con 285, -3).

La migliore delle azzurre nella money list è stata Diana Luna, quarta con 223.405 euro e due titoli in stagione, quindi 21ma Giulia Sergas (90.224), che ha giocato anche nel LPGA Tour; 37ma Stefania Croce (58.916), 55ma Veronica Zorzi (45.515); 76ma Margherita Rigon (25.725); 105ma Sophie Sandolo (16.598); 117ma Anna Rossi (10.676) e 155ma Federica Piovano (1.893), che si è ritirata dall’attività dopo il Sicilian Italian Open dello scorso ottobre.

Nel giro finale la Rigon ha segnato cinque birdie e quattro bogey per il 71 (-1); per la Zorzi (74, +2) un birdie, un bogey e un doppio bogey; per la Luna (75, +3) due birdie e cinque bogey; per la Sergas (74) due birdie, due bogey e un doppio bogey; per la Sandolo (74) tre birdie, tre bogey e un doppio bogey.

Omega Dubai Ladies Masters: Margherita Rigon è seconda

Margherita Rigon è salita al secondo posto con 138 colpi (70 68, -6), guadagnando quattordici posizioni nell’Omega Dubai Ladies Masters, ultimo torneo stagionale del Ladies European Tour che si sta disputando sul percorso dell’Emirates Golf Course a Dubai. Nuova leader è la sedicenne statunitense Alexis Thompson (136 – 70 66, -8), vincitrice a settembre del Navistar Classic (LPGA Tour), che ha due colpi di margine sulla stessa Rigon e sulla svedese Sophie Gustafson. Ha perso terreno Diana Luna, da settima a 17ª con 142 (69 73, -2), e hanno fatto un bel salto in avanti portandosi al 35° posto con 144 (par) ed evitando il taglio Giulia Sergas (75 69), in rimonta dall’83° e  Veronica Zorzi (74 70), 70ª dopo un turno. E’ rimasta in gara anche Sophie Sandolo, 44ª con 145 (72 73, +1), ed è uscita Stefania Croce, 90ª con 151 (+7).

Seguono il trio di testa la paraguaiana Julieta Granada, da tempo in ombra dopo un avvio di carriera folgorante nel circuito americano, e la gallese Becky Morgan, quarte con 139 (-5), e sono subito dietro con 140 (-4) l’americana Michelle Wie e le svedesi Pernilla Lindberg, Lotta Wahlin, in vetta dopo 18 buche, e Louise Larsson. La corsa al secondo posto della money list (il primo è dell’irraggiungibile giapponese Ai Miyazato) è sempre più favorevole all’inglese Melissa Reid, seconda alla vigilia di questo torneo, che occupa la 25ª piazza con 143 (-1) e che tiene a un colpo di distanza la svedese Caroline Hedwall (terza), la quale ha lo stesso score di Zorzi e Sergas. La Luna (quarta), per porsi alle spalle della Miyazato avrebbe dovuto vincere, ma i sei colpi di ritardo dalla Thompson le lasciano poche chances.

La Rigon ha girato in 68 (-4) colpi con quattro birdie; per la Luna (73, +1) cinque birdie, quattro bogey e un doppio bogey; per la Zorzi (70, -2) quattro birdie e due bogey; per la Sergas (69, -3) cinque birdie e tre bogey; per la Sandolo (73) quattro birdie, tre bogey e un doppio bogey; per la Croce (77, +5) due birdie e sette bogey. Il montepremi è di 500.000 euro.