Titolo LPGA Tour alla coreana Inbee Park; Giulia Sergas 39ª

Giulia Sergas si è classificata al 24° posto nel CME Group Titleholders, ultimo torneo del LPGA Tour sul percorso del The TwinEagles Club, a Naples in Florida.

Con questo risultato chiude la stagione al 39° posto con $ 362.659 grazie alle ottime prestazioni in due major: nell’US Womens Open (quarta) e nel Wegmans LPGA Championship (nona).

Inbee Park è prima nell’ordine di merito con un guadagno di 2.287.080 dollari. Alle sue spalle Na Yeon Choi ($ 1.981.834), Stacy Lewis ($ 1.872.409), Yani Tseng ($ 1.430.159) e Ai Miyazato ($ 1.334.977).

Golf in rosa: tutti i risultati del week end in USA, Spagna e Svezia

Il LPGA Tour è stato impegnato con il Sybase Match Play Championship 2012, torneo a eliminazione diretta giocato all’Hamilton Farm di Gladstone, New Jersey. Ha vinto la giovane spagnola No. 27 del Rolex Ranking Azahara Munoz, che ha sconfitto 2&1 Candie Kung nel match finale. La gara ha riservato tante sorprese nelle prime giornate giocate con doppio turno: alcune outsider sono infatti rimaste in gara fino all’ultimo sconfiggendo le favorite del torneo. La taiwanese Candie Kung ha eliminato la connazionale Yani Tseng, numero uno mondiale, per 3/2 e poi la paraguaiana Julieta Granada (2/1), che ha ritrovato in parte il suo gioco del passato. La giovane vincitrice ha battuto (2/1) l’inglese Jody Ewart, che aveva sconfitto la norvegese Suzann Pettersen (3/1) campionessa uscente, e poi ha travolto Stacy Lewis (5/4). Morgan Pressel è venuta a capo di un incontro molto complicato con la coreana Na Yeon Choi, numero due del Rolex Ranking, superandola alla prima buca supplementare, e successivamente non ha dato scampo alla svedese Anna Nordqvist (5/4). Infine Vicky Hurst, una delle meno attese nelle semifinali, ha prevalso dopo match equilibrati su Angela Stanford (2/1) e sulla corerana So Yeon Ryu (2 up). Al torneo, con 1,5 milioni di dollari di montepremi, erano ammesse 64 giocatrici tra le quali nessuna italiana.

Giulia Franchini si è classificata al 32mo posto con 162 colpi (78 84, +18) nel BGT Centro National, disputato al Centro National de Golf di Madrid, terza delle sette gare del Banesto Golf Tour, il circuito femminile spagnolo. Ha vinto la 17enne dilettante spagnola Clara Baena, che ha concluso la gara con 137 colpi (67 71, -7) insieme alla connazionale professionista Adriana Zwanck (67 70) e poi l’ha superata alla prima buca di spareggio.

Dominio delle dilettanti anche nel Ljungbyhed Park PGA Ladies Open, quinto degli undici tornei del LET Access, il secondo circuito femminile continentale, concluso al Ljungbyhed Golf Club (par 71) di Ljungbyhed, Svezia. Le prime quattro posizioni sono state raggiunte da giocatrici non professioniste: ha vinto con 212 colpi la scozzese Pamela Pretswell (73 72 67, -1) unica giocatrice a scendere sotto par, che ha preceduto Isabella Deilert, seconda con 214 (+1), Linnea Strom e Nanna Koerstz Madsen, terze con 216 (+3). Prime tra le proette Anna Dahlberg Soderstrom e Mary Mattson, che si sono divise metà della somma di prima e seconda moneta (3.718 euro per ciascuna su un montepremi di 30mila euro), terminate al quinto posto con 217 (+4) insieme all’altra dilettante di casa Emma Nilsson. Si è classificata 35ma con 226 (74 77 75, +13) Laura Sedda, mentre non ha superato il taglio per un colpo Matia Maffiuletti, 44ma con 152 (74 78, +10), e si è ritirata Anna Rossi.

 

Ad Angela Stanford l’HSBC Women’s Champions

Con un par alla terza buca di play-off, la 34enne texana ha vinto l’HSBC Women’s Champions, torneo del Tour femminile americano disputato al Tanah Merah Country Club di Singapore e riservato a 63 proette tra cui nessuna italiana.

Con il punteggio di 278 (66 70 71 71, -10) la Stanford ha ottenuto il quinto titolo in carriera superando le tre avversarie che avevano terminato le 72 buche della gara a pari punteggio: la cinese Shanshan Feng (69 71 69 69) e le coreane Na Yeon Choi (68 71 71 68), numero due del mondo, e l’adolescente Jenny Shin (69 67 71 71), uscite nell’ordine.

Al quinto posto con 279 (-9), e fuori dallo spareggio per un solo colpo, una Yani Tseng sottotono che, nonostante fosse data per favorita, era partita a rilento e non è riuscita nella rimonta finale come la settimana precedente all’Honda LPGA Thailand.

In sesta posizione con 281 (-7) Ai Miyazato e In-Kyung Kim, all’ottavo con 282 (-6) Vicky Hurst, Jiyai Shin e Hee Young Park. Mai in corsa per il titolo Karrie Webb, campionessa uscente, 25ma con Suzann Pettersen (287, -1), e Cristie Kerr, 35ma con 290 (+2).

Alla Stanford, che ha al suo attivo anche quattro presenze in Solheim Cup, sono andati 210mila dollari su un montepremi di 1,4 milioni. Angela ha messo la parola fine all’attesa di 14 anni e 4 mesi per una vittoria americana in un evento del LPGA in Asia.