Tiger ritroverà il suo tocco. Parola del guru di Titleist Bob Vokey

Avete presente la scritta “Vokey Design” sul retro dei wedge Titleist? Sta a indicare che quel bastone è stato progettato da Bob Vokey, uno dei più famosi designer di wedges e, ça va sans dire, esperti di gioco corto al mondo.

In una recente intervista a Golf Digest, Vokey ha dichiarato che Tiger Woods è stato uno dei tre migliori giocatori di wedges con i quali abbia mai lavorato, e ha aggiunto: “Anche se non credo tornerà mai ai livelli di una decina di anni fa, sono convinto che troverà il modo per uscire da questa crisi di gioco corto”.

“Tutto ciò di cui ha bisogno è ritrovare un po’ di fiducia,” ha dichiarato Vokey martedì al Bay Hill Club & Lodge, dove si sta giocando l’Arnold Palmer Invitational. “Tiger faceva delle cose incredibili con il sand-iron fra le mani, era un mostro, sapeva giocare qualunque tipo di colpo. Realizzava regolarmente degli approcci che gli altri nemmeno avrebbero immaginato. Sono sicuro che uscirà da questa crisi”. “Se potrebbe essere di nuovo il Tiger del 2000? No, nessuno mai potrà essere tanto forte. Ma se anche solo riuscisse ad avvicinarsi a quei livelli, tornerebbe subito competitivo sul PGA Tour”.

Il 14 volte campione Major non ha ancora fatto il suo rientro in campo dopo il ritiro per infortunio al Farmer’s Insurance Open, e , con il Masters alle porte, la preoccupazione dei fans per il livello del suo gioco corto continua a crescere.

Vokey, che ha lavorato con Woods ai tempi della sponsorizzazione Titleist, dal 1998 al 2001, si è detto addolorato nel vedere l’ex n.1 al mondo in questo stato, ma non fa parte dei detrattori secondo i quali, a 39 anni, la carriera di Woods è ormai avviata sul viale del tramonto. “Non pensavo che un giocatore tanto forte potesse crollare in questo modo”, dice Vokey. “Ma credo che, nonostante i cambiamenti che sta apportando al suo chipping, ritroverà presto il suo feeling”.

“Spesso la gente mi chiede chi sono i giocatori di wedge più forti con i quali ho lavorato nella mia carriera. Per quanto riguarda le prime due posizioni non ho alcun dubbio: Seve Ballesteros al primo posto e Lee Trevino al secondo. La terza posizione del podio, invece, se la giocano Phil Mickelson e lo stesso Tiger”.

Incursione sul truck delle Pro V1 #VideoGolf

 

FUN: 70 Open Italia – Il Camion Titleist