I luoghi più strani in cui sono stati costruiti i Golf Club del mondo

golf-cape-kidnappers 2

I golf club nel mondo sono moltissimi. Ve ne sono però alcuni con contesto geografico-ambientale e caratteristiche di percorso decisamente originali. Anche per le zone, talvolta strane, in cui gli architetti e gli stessi proprietari hanno deciso di costruirli. Terreni abbandonati, discariche, basi aeree e persino ex miniere: tutti luoghi, anche i più impensabili, che sono stati adattati ad ospitare percorsi da sogno. Andiamo a scoprirne alcuni…

Il Trump Golf Links Ferry Point, l’ultimo gioiello di Donald Trump, creato da Jack Nickalus. Il percorso sorge su una vecchia discarica di Brooklyn a New York e, dopo dodici anni di lavori terminati nello scorso ottobre, sarà aperto al pubblico solo nel 2015.

Il Victoria National Club di Evensville in Indiana è invece stato costruito su terreni, che in passato erano occupati da attività mineraria. Il terreno è stato ovviamente bonificato prima che il disegno di Tom Fazio prendesse forma nell’attuale percorso.

Il percorso di Musselburgh Old Golf Links, in Scozia, è uno dei percorsi più antichi al mondo. In questo caso, a sorprendere non è il terreno o la location in cui è stato costruito. Quello che lascia ogni golfista a bocca aperta è una pista da cavalli da corsa, costruita proprio intorno al percorso.

Il Cape Kidnappers, in Nuova Zelanda, è nato nel 1994 per opera di Tom Doak ed è forse uno tra i percorsi più belli e scenici al mondo (nella foto). Probabilmente, proprio perché sorge sull’ultimo posto al mondo in cui si possa pensare di trovare un percorso da golf: una scogliera a strapiombo sull’Oceano Pacifico.

Il Whistling Straits in Wisconsin, è nato nel 1998 su una ex base militare aerea, grazie al genio e al progetto di Pete Dye. Considerato come uno dei percorsi più difficili per la presenza del vento, che soffia dal lago Michigan, ha ospitato per due volte il PGA Championship.

Da ultimo, nello stato di Washington va ricordato il Chambers Bay, realizzato su un’area utilizzata prima come miniera di ghiaia, poi come deposito di legname e infine come cartiera. Il percorso ha aperto nel 2007, ma ha già ospitato lo U.S Amateur e nel 2015 ospiterà lo U.S Open.