carta_loser

Sul percorso del Rolling Green GC (par 71), a Springfield in Pennsylvania, Virginia Elena Carta conclusa la qualificazione su 36 buche medal dell’US Women’s Amateur al 26° posto con 142 colpi (par), e aver superato al primo turno di match play la statunitense Rinko Mitsunaga per 5&4, nel secondo turno la cinese Muni He per 2&1, nel terzo la statunitense Jessica Porvasnik per 3&2, nei quarti ha avuto la meglio per 3&1 su Maria Torres, super per 2&1 in semifiale la filippina Yuka Saso, ed accede alla finale contro la coreana Eun Jeong Seong.

Nelle prime diciotto buche le due atlete si sono marcate strette e alla buca 4 Virginia passa in vantaggio 1up. La coreana pareggia i conti alla buca otto e alla diciassette si porta a sua volta 1up. Bravissima Virginia a pareggiare i conti alla 18. Alla ripresa del gioco la coreana passa subito in vantaggio, ma la nostra azzurra alla buca successiva pareggia. La Seong non perde tempo e alla buca 21 si riporta in vantaggio. Alla buca 24 e’ dinuovo parita’, ma la coreana non perde tempo e si riporta in vantaggio alla buca 25 e arrivate alla 29 e’ in vantaggio per 2up. Alla 31 Virginia dimezza lo svantaggio, ma Eun Jeong ristabilisce la distanza alla buca 32. Si arriva sul tee della buca 35 dove la tensione e’ altissima. Sul green di questa buca arriva la magia della nostra azzurra che mette a segno un birdie dalla lunga distanza e porta l’avversaria a giocarsi tutto nell’ultima buca. Entrambe le giocatrici marcano un birdie, che per la coreana vuol dire la vittoria e per Virginia Elena Carta un’altra straordinaria impresa e la dimostrazione di essere un’atleta pronta per il tour maggiore.

Grazie Virginia per averci fatto vivere un torneo straordinario.

  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti