Vi sarà capitato di essere insicuri su un particolare colpo o su una determinata scelta strategica e di cercare di focalizzarvi sugli aspetti tecnici “per essere sicuri di non sbagliare”, salvo poi accorgervi che concentrarsi sul gesto tecnico porta spesso a sbagliare il colpo. Perché accade tutto ciò?

Quando un comportamento diventa automatico (in questo caso lo swing), interrompere il processo automatizzato, e quindi rapido, per farlo passare sotto il controllo cosciente, molto più lento perché guidato dal pensiero e non dall’azione, porta inevitabilmente ad un rallentamento e spesso ad un errore.

Quando il gesto è stato appreso, allenato, visualizzato e poi di nuovo praticato, diventa un comportamento automatico, quindi se si vuole evitare un “inceppamento” nel meccanismo non deve essere in alcun modo intralciato.
Quindi, quando ci troviamo di fronte a quel colpo “difficile”, non dobbiamo pensare al gesto (tutto ciò che si poteva fare per migliorarlo è già stato fatto!!) dobbiamo semplicemente eseguire la nostra routine, chiudere il focus attentivo sul nostro obiettivo (= dove far arrivare la palla) e “farlo e basta!!!”.

  • Augusta, arrivooo! Di Paolo Condo’
  • Tiger: è finita? Di Silvio Grappasonni
  • Bastone, mazza o clava? Di Giuseppe De Filippi