PSYCO_19_LA-SELF-EFFICACY,--TI-SENTI-ALL'ALTEZZA_500

 

Ti è mai capitato di affrontare una gara o una partita tra amici arrivando sul tee della uno particolarmente “carico”, magari grazie ad una pratica soddisfacente nei giorni precedenti, a delle sensazioni positive a livello corporeo o ad una particolare propensione ala positività a livello mentale? Spesso in situazioni di questo tipo, l’atteggiamento col quale ci apprestiamo ad affrontare la gara ha delle ripercussioni positive anche sulla performance, in termini di risultato o di percezione soggettiva. Ma a cosa è dovuto tutto ciò?

Gli psicologi dello sport la definiscono self-efficacy, ossia la consapevolezza di possedere le risorse necessarie per affrontare efficacemente una determinata sfida (ad esempio una particolare gara, in un particolare campo).

La self-efficacy, o autoefficacia, viene alimentata da quattro elementi:

-       La sperimentazione del successo: ogni volta che si raggiunge il proprio personale obiettivo o si riesce ad esprimere al massimo il proprio potenziale, la propria percezione di autoefficacia si rafforza un po’. Ciò avviene in modo molto potente quando il golfista vive l’esperienza di flow;

-           L’apprendimento osservativo: la possibilità di vedere un compagno di gioco, il maestro o il nostro idolo alla tv mentre svolge un determinato colpo o esegue uno swing perfetto, permette di stimolare il nostro apprendimento di quello stesso aspetto e ci stimola a credere di poterlo emulare (proprio perché veder eseguire qualcosa da un altro lo rende “fattibile”)

-           Il ricevere feedback positivi rispetto alle nostre abilità dai compagni di gioco, dal maestro, dai genitori e, soprattutto da noi stessi, ci permette di accrescere il nostro senso di padronanza; infine

-           La possibilità di sperimentare emozioni e sensazioni corporee positive mentre si affronta un particolare colpo, una gara od un momento particolare del percorso ci permette di vivere in modo sereno quella situazione e quindi di conservane un ricordo positivo per il futuro.

Perciò se prima di una gara ti senti insicuro su un elemento del tuo gioco (un determinato colpo, la scarsa confidenza con i nuovi ferri, o qualsiasi altro aspetto), prova a spostare la tua attenzione su tutto ciò che, al contrario, ritieni di essere in grado di padroneggiare e che ti fa sentire sicuro delle tue capacità. Lavorare al consolidamento del tuo senso di auto- efficacia ti farà affrontare le competizioni con una maggiore determinazione.

  • Thomas Bjorn è il nuovo capitano europeo
  • Pierfrancesco De Col "Gioco sempre tranne lunedi e giovedi" #VideoGolf
  • Tiger: due settimane di pausa per trovare i bastoni perfetti