ST LOUIS, MO - AUGUST 09: Francesco Molinari of Italy waits to play his tee shot on the 17th hole during the first round of the 100th PGA Championship at the Bellerive Country Club on August 9, 2018 in St Louis, Missouri. (Photo by David Cannon/Getty Images)

Il golf e lo sci godono notoriamente di un legame empatico profondo. Seppur così diversi, sono accomunati da un interscambio passionale diffuso, ancor più adesso che la love story sportiva più chiacchierata del pianeta ha calamitato Tiger Woods sulle piste di sci al seguito dell’amata Lindsey Vonnn, suggellando mediaticamente un binomio sportivo destinato a dilagare. Proprio ai recenti mondiali di Vail, accompagnata da Tiger, la Vonn ha inaugurato la sua fondazione, che si avvarrà anche del golf per aiutare chi soffre. E negli Stati Uniti, quando entrano in scena superstar come Tiger e Lindsey, il successo di un nobile intento è assicurato! A tal proposito, in Italia, abbiamo toccato con mano le iperboliche cifre raccolte nel corso degli anni da Gianluca Vialli e Massimo Mauro, fantastici esempi di come la popolarità sappia mettersi al servizio della ricerca scientifica, grazie al golf. Lo sci non è da meno. Ogni anno, a fine giugno, anche la mitica Streif di Kitzbühel si trasforma in un campo di golf, attraendo 500 persone che, a scopo benefico, s’iscrivono con largo anticipo per sfidarsi sulle sue vertiginose picchiate nella gara più originale del mondo: vince chi tira meno colpi dalla partenza della discesa, uno strapiombo mozzafiato sovrastante la celeberrima Mausefalle, sino al traguardo (dove quella volta Ghedina piombò a 140 orari con una storica spaccata), obbligatoriamente iniziando con un drive da affidare al precipizio, al vento e… al destino. Il leggendario Franz Klammer, il più grande discesista di sempre, organizza da anni con la sua Charity Foundation una gara di golf in Austria, dove si possono incontrare icone dello sport come Franz Beckenbauer, fra i calciatori più blasonati della storia, con cui ebbi l’onore e il piacere, essendo persona squisita, di giocare una Pro-Am di beneficenza. Altri due campionissimi, Marc Girardelli, vincitore di cinque Coppe del Mondo (record imbattuto) sotto la bandiera del Granducato del Lussemburgo e Andreas Wenzel, del Principato del Lichtenstein, grande rivale di Stenmark e vincitore della Coppa del Mondo nel 1980. Wenzel, con la sorella Hanni, sciatrice straordinaria, un caso più unico che raro non solo nello sci, ha fondato la Alpen Eagles, con l’obiettivo di ricavare fondi per gli Hospice riservati ai bambini malati terminali. L’encomiabile obiettivo presenta un’originalità strutturale atta ridurre al minimo i costi, devolvendo l’intero ricavato agli organi destinatari. La Alpen Eagles, infatti, vanta nelle sue file un elenco di famosissimi campioni, non solo dello sci, che a turno partecipano a una serie di eventi golfistici inseriti all’interno di importanti gare o circuiti di golf, sotto forma di flight sponsorizzati da grandi brand, abbordabili grazie alla loro notorietà in Svizzera, Germania e Austria, dove anche il golf è molto praticato. In Italia, per esempio, Girardelli e Wenzel sono stati accolti a braccia aperte dalla Coppa Colmar, circuito di doppio itinerante ormai fra i più ambìti dai circoli del Bel Paese. In bocca al lupo cari Marc e Andreas, dallo sci al colf con passione e… tanto cuore!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here